Blog Giovanisì - Il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani

Giovanisì+

‘Essere NEET senza volerlo’

Pubblicato da igarezzo il 18 Novembre 2014

I Comuni di Arezzo e Sansepolcro, con la Rete Koinè, attivano il progetto per dare opportunità di formazione e lavoro ai giovani

Giovani? Senza lavoro? Nemmeno impegnati nello studio o nella formazione? Allora siete Neet, acronimo di Not in Education, Employment or Training. E non siete nemmeno pochi. Anzi siete un piccolo esercito.

Due enti che hanno deciso di collaborare, di mettere insieme i loro uffici giovani, di diventare coprotagonisti con la Rete Koine, che ha cofinanziato il progetto con la Regione,  di “Essere NEET senza volerlo” , uno dei 17 progetti vincitori del bando finanziato dalla Regione Toscana nell’ambito di Giovanisì (www.giovanisi.it).

“I Neet sono invisibili per le istituzioni – hanno ricordato stamani Stefano Frasi, responsabile innovazione delle Rete Koinè e Agostino Peruzzi che ha elaborato e curato il progetto. Sono ad alto rischio di esclusione e per questo è necessario offrire loro opportunità di informazione, formazione e lavoro”. E bisogna farlo presto. “In questi giovani si diffondono atteggiamenti di demotivazione, se non di depressione – ha sottolineato Manuela Naccari dell’agenzia Cinpa. Con questo progetto intendiano fornire gli strumenti affinchè poi possano scegliere con più consapevolezza la strada del loro futuro”.

La condivisione del progetto è stata espressa stamani dall’ assessore alle politiche giovanili del Comune di Arezzo, Francesco Romizi, e dal vicesindaco di Sansepolcro, Andrea Laurenzi: “è un altro tassello che si aggiunge alle attività dei nostri uffici Informagiovani che già forniscono indicazioni in tema di formazione e lavoro. Rientriamo in un macro progetto regionale e allarghiamo la rete delle collaborazioni al sistema economico”.

Ma come funziona il progetto “Essere NEET senza volerlo”? Prevede una presa in carico dei giovani con un orientamento verso percorsi formali e istituzionali per l’avvicinamento o il reinserimento nel mondo del lavoro; attivando inoltre la consapevolezza nei giovani NEET di quali percorsi la rete regionale di agenzie istituzionali mette a disposizione per il sostegno e l’orientamento in ambito lavorativo e formativo.

Questi scopi vengono perseguiti all’interno degli Informagiovani di Arezzo e Sansepolcro (due Infopoint Giovanisì) ritenuti in grado di veicolare i contenuti del progetto in un clima più informale e attrattivo. I NEET saranno poi orientati e inseriti nei percorsi del Centro Impiego. I dati raccolti nei mesi di attività del progetto saranno oggetto di una ricerca e valutazione.

Le attività di front office si terranno a Informagiovani di Arezzo (piazza S. Agostino), lunedì – venerdì 11 / 13 – 16 / 18. A Informagiovani di Sansepolcro (via G. Buitoni) lunedì 16 / 19 – martedì 10 / 13 – giovedì 15/ 17.

 

Progetto: “Essere NEET senza volerlo
Soggetto titolare: Cooperativa Sociale Koinè
Mail info: info@essereneet.it

Pubblicato il 18 Novembre 2014

Lascia un commento