Il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani

Sono 683 le domande ammesse immediatamente a finanziamento (rispetto alle 956 risultate idonee) del settimo bando per il contributo affitto, inserito nell’ambito di Giovanisì, il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani. Il bando (scaduto il 18/12/19) prevede uno stanziamento di 6 milioni di euro.

Sono rientrati in graduatoria tutti i giovani tra i 30 e i 34 anni (single o in coppia), mentre tra i 18 e i 29 anni tutti quelli con figli, le coppie senza figli e oltre 250 richiedenti singoli. Grazie a questa opportunità, i giovani ammessi al finanziamento potranno beneficiare di un contributo di durata triennale che varia da 1.800 a 4.200 euro annui, a sostegno del pagamento dell’affitto, per favorire l’emancipazione dalla propria famiglia d’origine.

Scorrimento graduatoria

Dopo l’11 novembre 2020, trascorsi i 180 giorni di tempo a disposizione per l’invio dei contratti di locazione da parte degli ammessi in graduatoria, verrà quantificato l’importo di eventuali risorse disponibili a seguito della mancata presentazione delle richieste di pagamento e dei contratti di locazione. E’ previsto uno scorrimento della graduatoria entro dicembre 2020. Tale scorrimento si svolgerà una volta sola e non sarà reiterabile (vedi art 7.10 del bando).

NB: Le informazioni sugli adempimenti a carico dei beneficiari ammessi a contributo, a seguito dello scorrimento della graduatoria, sull’invio del contratto di locazione e sulla modalità di richiesta del contributo affitto saranno pubblicate in questa pagina.

La graduatoria
Adempimenti dei beneficiari

I beneficiari immediatamente ammessi a contributo (vedi allegato A della graduatoria) devono:

  • sottoscrivere e inviare entro l’11 novembre 2020 copia del contratto di affitto (regolarmente registrato all’Agenzia delle Entrate), la richiesta di pagamento e copia di un valido documento di identità di ciascun beneficiario.
    In applicazione delle norme nazionali riguardanti l’emergenza sanitaria (Decreto Legge n.18 del 17.3.2020 e del Decreto Legge n.23 dell’ 8.4.2020), il termine di 180 giorni, previsto dal bando, per inviare il contratto di affitto al Settore regionale competente si calcola dal 16 maggio 2020 (salvo eventuali proroghe dovute a successive disposizioni ministeriali), come stabilito dalle normative vigenti, invece che dalla data del decreto che approva la graduatoria.
  • entro 90 giorni dalla sottoscrizione del contratto, trasferire la residenza nell’alloggio oggetto del contributo. Si ricorda che l’alloggio non deve essere la residenza o il domicilio di persone diverse dai giovani ammessi a contributo.

Il contributo è erogato a seguito della presentazione del contratto di locazione registrato a norma di legge, ed è ripartito in quote semestrali anticipate per tre anni. Il mancato rispetto degli adempimenti comporta la revoca del contributo.

Come presentare la richiesta di pagamento

Data l’emergenza sanitaria in corso, si invitano i beneficiari a inviare la richiesta di pagamento del contributo, la fotocopia non autenticata di un documento di identità del dichiarante/dei dichiaranti e la fotocopia del contratto di locazione registrato, con una di queste modalità:

via telematica, all’indirizzo regionetoscana@postacert.toscana.it
Apaci, selezionando come Ente pubblico destinatario “Regione Toscana Giunta”

In entrambi i casi è necessario indicare nel campo oggetto la dicitura “Giovanisi richiesta di pagamento”. Ai fini della scadenza dei termini, fa fede la data di consegna che risulta nello stato “ricevuta” di “Apaci” o nella “ricevuta di avvenuta consegna” della PEC.

Solo nell’impossibilità di usare i canali telematici, i richiedenti potranno spedire la documentazione a mezzo raccomandata A/R, all’indirizzo:
– Direzione Urbanistica e Politiche Abitative – Settore Politiche Abitative, Via di Novoli n.26 – 50127 Firenze.
Per la scadenza del termine fa fede il timbro postale di partenza.

Obblighi dei beneficiari del contributo

Durante il triennio di erogazione del contributo i beneficiari hanno l’obbligo di:
– risiedere e di occupare ininterrottamente l’alloggio;
– di comunicare alla Regione, entro 20 giorni dal loro verificarsi:
a) la disdetta / risoluzione del contratto o, in ogni caso, la conclusione della locazione, nonché la cessazione dell’occupazione dell’alloggio o il trasferimento altrove della residenza anagrafica;
b) la conclusione del rapporto di convivenza e di coabitazione nell’alloggio oggetto del contributo;
c)l’ampliamento del nucleo familiare d’origine.

Il contratto e la locazione oggetto del contributo devono rispettare i requisiti previsti dall’art.8 e art.9 del bando. In caso di coppie (costituite o di nuova formazione) e di nuclei composti da due o più giovani (di cui al punto e dell’art.3 del bando), il contratto deve essere cointestato.

Documentazione

Bando
Richiesta di pagamento

Faq

Leggi le FAQ

Informazioni

Ufficio Giovanisì – Regione Toscana
info@giovanisi.it
Numero verde 800 098719

Settore politiche abitative della Regione Toscana
francesca.dimichino@regione.toscana.it
Tel. 055 4383936
fabrizio.bandinelli@regione.toscana.it
Tel. 055 4383586

URP (Ufficio relazioni con il pubblico) della Regione Toscana
urp@regione.toscana.it
Numero verde 800 860070


Notizia correlata:
Casa, contributo affitto di Giovanisì da 6 milioni, saranno finanziate 683 domande
(comunicato stampa di Toscana Notizie)