Servizio civile

Servizio civile regionale, due bandi per 65 giovani
Ambiti: Educazione alla legalità e contrasto alle frodi agroalimentari

Pubblicato da giovanisi il 22 agosto 2017

Banner-Azioni-DEF2-18Due bandi per il servizio civile regionale per complessivi 65 posti, promossi dalla Regione Toscana nell’ambito del progetto Giovanisì e finanziati con il POR FSE 2014-2020. Gli ambiti sono l’educazione alla legalità e il contrasto alle frodi agroalimentari.

Il primo, che è attivo fino all’11 settembre, è rivolto a 35 giovani, che potranno svolgere un periodo di servizio civile nelle Procure di Firenze, Prato e Pistoia in progetti nell’ambito dell’educazione alla legalità. Questi i posti a disposizione nelle Procure interessate: 5 Procura della Repubblica di Pistoia, 10 Procura della Repubblica di Firenze, 15  Procura della Repubblica di Prato, 5 Procura Generale della Repubblica di Firenze.

Il secondo, che è attivo fino al 15 settembre, è rivolto a 30 giovani che potranno svolgere un periodo di servizio civile nelle Procure di Firenze, Grosseto, Siena e Arezzo in progetti nell’ambito delle frodi agroalimentari. Questi i posti a disposizione: 3 Procura Generale della Repubblica di Firenze, 4 Procura della Repubblica di Arezzo, 6 Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Firenze, 6 Procura della Repubblica di Grosseto, 11 Procura della Repubblica presso il Tribunale di Siena.

“Come Regione Toscana puntiamo molto sul servizio civile – sottolinea l’assessore al sociale e al diritto alla salute Stefania Saccardi – Per i giovani è un’esperienza formativa molto importante, che li mette a contatto con realtà interessanti e stimolanti. Tra la fine del 2016 e l’inizio del 2017, abbiamo promosso bandi per oltre 3.000 posti. Questi due nuovi bandi sono più ridotti e i posti sono limitati, ma gli ambiti dei progetti – educazione alla legalità e contrasto alle frodi agroalimentari – sono entrambi molto importanti. Invito quindi i giovani che hanno i requisiti necessari a presentare la domanda”.

Possono partecipare ai due bandi i giovani che, alla data di presentazione della domanda, sono in possesso di questi requisiti: regolarmente residenti in Italia; età compresa tra 18 e 30 anni (non compiuti); inoccupati, inattivi o disoccupati ai sensi del decreto legisaltivo n.150/2015; in possesso di idoneità fisica; non abbiano riportato condanna penale.

 

Comunicato stampa di Lucia Zambelli, Toscana Notizie

Pubblicato il 22 agosto 2017