Fare impresa

Programma di Sviluppo Rurale: buone nuove per gli agricoltori della Toscana

Pubblicato da giovanisi il 24 febbraio 2012

Psr: ok da Ue a migliorie Toscana. Salvadori: “Più soldi in anticipo e semplificazione” – La Commissione Europea ha infatti approvato le modifiche proposte dalla Toscana all’ultima versione del Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 e relativi allegati.

Le modifiche apportate permetteranno agli agricoltori di usufruire di una serie di semplificazioni e di vantaggi. Ecco quali sono:

Incremento al 50% della percentuale richiedibile a titolo di “anticipo” per le misure a investimento, invece del 20% precedentemente concesso.

Semplificazioni e integrazioni per permettere l’adesione dei giovani alle misure per l’imprenditorialità giovanile, attraverso l’utilizzo del “pacchetto giovani”.

Il “pacchetto giovani”, per il quale sono disponibili in agricoltura circa 30 milioni di euro, assicura la possibilità di accesso congiunto ad un insieme di misure finalizzate alla creazione e allo sviluppo dell’impresa agricola. In questo modo si consente al giovane imprenditore una strategia di azione complessiva per lo sviluppo della sua impresa attraverso il ricorso a differenti tipologie di interventi finanziati dal PSR.

Una nuova redazione della scheda della Sottomisura 321.d) ‘Reti tecnologiche di informazione e comunicazione (TIC)’, con la ridefinizione delle modalità di sostegno che la Regione Toscana ha adottato per la diffusione delle tecnologie di informazione e comunicazione nelle aree rurali a forte marginalizzazione. La somma stanziata è di 6 milioni e 700 mila euro.

Sulla misura 121 ‘Ammodernamento delle aziende agricole’ è stata introdotta una semplificazione per applicare il tasso di contribuzione maggiorato per gli investimenti che ricadono in zone montane, mentre nell’azione 214b.2 ‘Conservazione delle risorse genetiche vegetali per la salvaguardia della biodiversità’, è stato individuato un unico beneficiario che provvede direttamente a tutti gli adempimenti tecnico amministrativi relativi alla conservazione delle varietà vegetali in pericolo di estinzione.

Soddisfatto l’assessore regionale all’agricoltura, Gianni Salvadori: “Quella che viene da Bruxelles – sottolinea – stavolta è davvero una buona notizia. Vuol dire che la Commissione ha apprezzato e condiviso la linea d’azione della Regione Toscana, che ha scelto di privilegiare gli investimenti, ha puntato sui giovani e sul sostegno alle aziende, aumentando al 50% la percentuale di anticipo che si può ottenere. Sono interventi significativi – rimarca Salvadori – che in un periodo di crisi e di scarsità di credito per le aziende significano ‘soldi veri’ da ottenere e da spendere per investire. Importanti sono anche le altre misure, come quella che punta a diffondere le tecnologie internet nelle zone più marginali, con quasi 7 milioni di euro di dote, quelle che servono a semplificare la vita alle aziende che si impegnano alla conservazione della biodiversità e quelle – conclude – che servono a semplificare l’accesso ad un tasso di contribuzione maggiorato per le aziende che operano in aree montane.”

 

Comunicato stampa di Laura Pugliesi, Toscana Notizie

Pubblicato il 24 febbraio 2012