Studio e formazione

Le risorse per i servizi alla prima infanzia: avviso pubblico dalla Regione per mamme e Comuni toscani

Pubblicato da l.calugi il 31 agosto 2011

C’è tempo fino al 9 settembre per presentare alla Regione Toscana progetti capaci di aiutare le madri interessate a iscrivere i propri figli presso un servizio educativo privato per la prima infanzia.  Devono pensarci i Comuni, singoli o associati.

Lo prevede un avviso pubblico adottato dalla Regione Toscana per realizzare “progetti di conciliazione tra vita familiare e vita lavorativa“. Tali progetti consistono nell’assegnazione, ai Comuni, di “buoni servizio” da utilizzare, per il prossimo anno educativo 2011-2012, presso servizi educativi per la prima infanzia (bambini da 3 a 36 mesi) sia pubblici che privati accreditati e convenzionati con i comuni.

Destinatari dei progetti comunali sono donne residenti in Comuni toscani, madri di bambini (nati fra il 1 gennaio 2009 e il 31 maggio 2011), che non beneficiano di altri rimborsi o sovvenzioni economiche. L’importo massimo del buono servizio erogabile al Comune per ciascun soggetto assegnatario ammonta a 2.000 euro.

Gli uffici della Regione Toscana, terminata l’istruttoria sui progetti presentati, assegneranno ai Comuni le risorse disponibili: ciò con buoni servizio e in modo proporzionale rispetto alla considenza della lista di attesa.

“Questo intervento – spiega Stella Targetti, assessore regionale – sostituisce lo strumento dei voucher infanzia con cui negli anni passati eravamo intervenuti per sostenere le famiglie i cui bambini non erano stati accolti in nidi comunali: erano infatti emerse alcune problematiche, ad esempio i lunghi tempi per erogare i contributi alle famiglie, che con il nuovo strumento pensiamo di superare”.

Quanto alle risorse disponibili per il “progetto conciliazione mamme” (questa la dicitura che i Comuni devono usare presentando i progetti) le notizie non sono buone. “Nell’anno educativo precedente – spiega Stella Targetti – potevamo sostenere i voucher con un finanziamento complessivo di 3,7 milioni di euro di cui 1,5 di provenienza FSE e utilizzando il resto con risorse statali. Per il prossimo anno educativo possiamo disporre, per i buoni servizio, soltanto di un milione e mezzo di euro, tutti di provenienza FSE, imputabili oltretutto al 2012 avendo il settore Infanzia già impegnato tutte le risorse a sua disposizione. Ci auguriamo di poter trovare fondi ulteriori, ma – conclude la vicepresidente di Regione Toscana – la situazione appare decisamente critica e a pagare saranno, purtroppo, le fasce più deboli”.

L’iniziativa è inserita all’interno del progetto Giovanisì
Vai alla pagina dedicata all’avviso sul sito della Regione Toscana

Comunicato stampa di Mauro Banchini, Toscana Notizie

Pubblicato il 31 agosto 2011