Daniele / #tirocini

A passi decisi verso il futuro

Daniele - Tirocini

Intervista di Davide De Crescenzo, Direttore di intoscana.it, a Daniele Bechini, beneficiario dei Tirocini non curriculari, misura promossa dalla Regione Toscana nell’ambito di Giovanisì (finanziata dal POR FSE 2014/2020) intervenuto alla tappa di Arcidosso (GR) di “Giovanisì in tour, il progetto raccontato dai giovani toscani.

Daniele, giovane tirocinante, ci racconterà la sua esperienza. Lui è laureato in ingegneria gestionale a Siena e poi attraverso il portale Almalaurea è arrivato a svolgere un tirocinio presso un‘azienda di Castel del Piano, la Tosti s.r.l. Dal tirocinio sono scaturite una serie di opportunità tra cui un master alla Luiss.

Come hai conosciuto Giovanisì? E come è maturata all’interno dell’azienda l’opportunità di poter seguire un master a Roma alla Luiss che poi ti ha aperto prospettive interessanti di stabilizzazione dentro l’azienda?

Non sono stato io a conoscere Giovanisì, ma è stato Giovanisì che ha conosciuto me. Finita l’università, mi sono laureato alla magistrale di ingegneria gestionale a Siena nel 2016, e, come prassi mi sono iscritto al portale per neolaureati che si chiama Almalaurea. E’ attraverso questo portale che l’azienda, facendo delle ricerche con caratteristiche inerenti al mio profilo, mi ha contatto e abbiamo intrapreso insieme questo percorso del tirocinio.

Il tirocinio è un’opportunità da cogliere, perché se vi mettete in gioco e se dimostrate di valere l’azienda vi premierà

L’opportunità di Giovanisì è sicuramente buona, perché permette all’azienda di promuovere l’inserimento giovanile usufruendo dei benefici che la Regione Toscana offre. Il tirocinio è un opportunità che permette al ragazzo di conoscere l’azienda e all’azienda di conoscere il ragazzo, in modo da capire se il tipo di lavoro fa al caso del tirocinante e se il ragazzo è predisposto a svolgere le mansioni per le quali è stato contattato.

Quindi hai iniziato il tirocinio e poi ti si è presentata l’opportunità di andare a Roma a seguire il Master, che l’azienda ti ha finanziato. Quindi hanno visto che era interessante investire su di te sul piano formativo?

Credo di si. Finito il tirocinio mi è stato proposto, oltre al rinnovo contrattuale, anche la possibilità di poter seguire un master alla Business School della Luiss. Il Master, che come tema principale era Sviluppo Manageriale, affronta le varie discipline che un manager dovrebbe conoscere. Questa è una bellissima opportunità di formazione che l’azienda mi ha proposto e spinto a fare. Tra l’altro ho finito questo percorso formativo proprio la scorsa settimana, dopo circa un anno. Il Master si strutturava nel week end, con una formula pensato per lavoratori, per cui io mi recavo a Roma il venerdì con permesso da lavoro e avevo lezione fino al sabato.
Sicuramente un’esperienza unica.

Adesso l’azienda ti ha assunto con un apprendistato di 30 mesi. Come affronti questo periodo?

Con serenità. Percepisco che l’azienda sta investendo su di me e che ho un ruolo centrale nel mio team di lavoro, per cui attualmente mi occupo di “pianificazione e programmazione della produzione” .

La possibilità di frequentare il master è un attestato che rimarrà sul mio curriculum, quindi è sicuramente un opportunità e anche se le cose dovessero andare male – e non credo – era sicuramente da cogliere.

Che messaggio vorresti dare a questi ragazzi?

Il tirocinio è un’opportunità da cogliere, perché se vi mettete in gioco e se dimostrate di valere l’azienda vi premierà. Con me è successo quindi succederà anche con voi.

Scopri le opportunità di Giovanisì per Tirocini

Scrivi una risposta