Una casa per me e mio figlio

Margherita

Area tematica: Partecipo

Sembrava impossibile per me andare a vivere per conto mio insieme al mio bimbo, vista la mia situazione economica (nonostante la laurea): lavoro nelle scuole come aiuto agli alunni non vedenti e ipovedenti (in più all’insegnante di sostegno), ma il primo stipendio arriva solo dopo la fine dell’anno scolastico, essendo il Comune a finanziare questo impiego; insegno l’Italiano agli stranieri, ma non essendoci i fondi è tutto volontariato; accompagno una signora non vedente e quello è l’unico lavoro che mi fornisce uno stipendio mensile, part time. Inoltre non ricevo alcun mantenimento dal padre di mio figlio e mai l’ho ricevuto, essendo io ragazza madre dall’età di 18 anni. Temevo di rimanere a vivere con i miei genitori per sempre e la cosa mi dispiaceva, visto che il bimbo aveva già quasi 10 anni ed io avevo bisogno della mia indipendenza! Ho fatto la domanda per avere il contributo per l’affitto e ci sono rientrata! Per me è un sogno che si è avverato, perché è molto difficile vivere con i genitori e i figli insieme (vizi su vizi e altre divergenze!) Ringrazio infinitamente per averci donato la libertà!

Scopri le opportunità di Giovanisì per Casa

Condividi sui social:

Locandina evento

Scopri le opportunità di Giovanisì per Partecipo