Il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani
Blog

Ci sarà tempo fino al 15 novembre 2019 per candidarsi per ottenere una borsa di studio promossa da Babbel, prima applicazione al mondo per l’apprendimento delle lingue online.

In occasione della Giornata Europea delle Lingue, che si è tenuta il 26 settembre 2019, Babbel mette in palio una borsa di studio del valore complessivo di 1.500 euro rivolta agli studenti universitari iscritti a una facoltà in ambito umanistico.

Quante lingue si parlano in Europa? Se quelle ufficiali sono 24, considerando anche gli idiomi e i dialetti si arriva a un totale di 225, un numero davvero incredibile. Ancora più sorprendente potrebbe essere scoprire che quella più parlata non è l’inglese, ma il tedesco (oltre 100 milioni di persone) seguita dal francese (circa 71 milioni). Anche i dati dimostrano come ci siano ancora molte prospettive di sviluppo per la conoscenza linguistica e culturale nel nostro Paese: se il 66% degli italiani dichiara di parlare almeno una lingua straniera, in Europa esistono realtà d’eccellenza come Svezia, Lettonia, Danimarca e Lituania, in cui più del 95% della popolazione parla una seconda lingua.

Un’apposita commissione si occuperà di esaminare i profili dei candidati e le loro motivazioni, decretando entro il 16 dicembre 2019 il nome del vincitore della borsa di studio, che sarà comunicato sul sito web di Babbel.

A chi è rivolto
Possono candidarsi per la borsa di studio gli studenti iscritti a una facoltà in una delle seguenti aree:

  • Lingue
  • Turismo
  • Traduzione e interpretazione
  • Lettere
  • Scienze della Comunicazione

Come partecipare
Per partecipare è sufficiente inviare la propria candidatura all’indirizzo mail scholarship@babbel.com 

I candidati dovranno presentare una breve tesina per promuovere i benefici della diversità linguistica all’interno dell’Unione Europea con l’obiettivo di incentivare la diffusione della multiculturalità.

Quando
La domanda dovrà essere presentata entro il 15 novembre 2019.

Per informazioni

Lascia un commento