Il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani

La Regione Toscana, nell’ambito del progetto Giovanisì, concede un contributo straordinario a favore di tirocinanti e praticanti (inattivi o disoccupati), senza limiti di età, che hanno dovuto sospendere il tirocinio in Toscana, a causa delle restrizioni dovute all’emergenza Covid-19.

Con questo intervento, la Regione Toscana concede un contributo straordinario a coloro che hanno un tirocinio non curriculare o un praticantato in corso sospeso per oltre 15 giorni a causa dell’emergenza Covid-19, oppure coloro che abbiano svolto un tirocinio non curriculare o praticantato, con scadenza nel periodo di sospensione a causa dell’emergenza sanitaria, a condizione che sia stato sospeso per oltre 15 giorni prima del suo termine.

Il contributo regionale è pari a 433,80 euro mensili ed è erogato per il periodo di sospensione, fino ad un massimo di 2 mesi.

Chi può partecipare

Possono richiedere il contributo i soggetti inattivi o disoccupati, senza limiti di età, che:

– hanno un tirocinio non curriculare o un praticantato in corso in Toscana sospeso per oltre 15 giorni a causa dell’emergenza Covid-19;

abbiano svolto un tirocinio o praticantato in Toscana, con scadenza nel periodo di sospensione a causa dell’emergenza sanitaria, a condizione che sia stato sospeso per oltre 15 giorni prima del suo termine.

Nell’accesso al contributo sono prioritari::
a. i tirocini non curriculari e praticantati svolti da soggetti disabili (L. 68/1999);
b. i tirocini non curriculari svolti in uno dei Comuni ricompresi tra le aree di crisi (vedi Allegato 4 del bando);
c. i tirocini non curriculari svolti da donne inserite in percorsi di fuoriuscita dalla violenza.

Il contributo regionale è di 433,80 euro mensili ed è erogato fino ad un massimo di 2 mesi, così ripartito:

  • Fino a 15 giorni (di calendario) di sospensione del tirocinio non è possibile richiedere il contributo;
  • Sospensione da 16 giorni fino a 45 giorni (di calendario) il contributo è pari a 433,80 euro;
  • Sospensione superiore a 46 giorni il contributo è pari al massimo a due mensilità, ovvero 867,60 euro.

L’erogazione del contributo avviene in un’unica soluzione mediante accredito diretto su conto corrente intestato o cointestato al beneficiario del contributo.

 

Come fare la domanda

Per la presentazione della domanda online, è necessario utilizzare la propria tessera sanitaria toscana/carta nazionale dei servizi abilitata ed un lettore smart card.

In alternativa, l’accesso e la compilazione online sono possibili anche tramite SPID (sistema pubblico di identità digitale), reperibile alla pagina dedicata di Regione Toscana  o alla pagina nazionale.

La domanda deve essere presentata tramite il sistema online, selezionando tra le “Funzioni per il cittadino”, la funzione “Presentazione Formulario on-line per Interventi Individuali”, come indicato all’art.5 del bando.

Una volta eseguita la compilazione del formulario, occorre allegare in formato zip, tramite lo stesso sistema online: la Domanda di contributo (Allegato 1) e l’Autodichiarazione per Tirocinio non curriculare (Allegato 1A), se si tratta di un tirocinio non curriculare, oppure l’Autodichiarazione per Tirocinio per l’accesso alle professioni ordinistiche (Allegato 1B), se si tratta di un tirocinio per l’accesso alle professioni ordinistiche.

Da chi è finanziato

Il bando è finanziato con risorse del POR FSE 2014-2020.

Documentazione

Bando (con allegati)Decreto n. 21672 del 28/12/2020

Info

Settore Programmazione in materia di Iefp, Apprendistato, Tirocini, Formazione Continua, Territoriale e Individuale di Regione Toscana
tirocini_fc@regione.toscana.it

Vai alla pagina dedicata sul sito di Regione Toscana

Ufficio Giovanisì – Regione Toscana
Numero verde 800 098 719
info@giovanisi.it

Assistenza tecnica per la presentazione online delle domande
Numero Verde 800 688 306
(lunedì-venerdì dalle 9:30 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 17:30)