Alfredo / #studioeformazione

In continua evoluzione

Alfredo - Studio e Formazione

Intervista di Davide De Crescenzo, Direttore di intoscana.it, ad Alfredo Rutili, beneficiario di un corso IFTS, promosso dalla Regione Toscana nell’ambito di Giovanisì (finanziato dal POR FSE 2014/2020), intervenuto alla tappa di Arcidosso (GR) di “Giovanisì in tour, il progetto raccontato dai giovani toscani.

Alfredo, giovanissimo, 20 anni è diplomato come “Manutentore Assistente Tecnico” a Follonica e ha frequentato un corso IFTS Worker 4.0, approfondendo aspetti legati all’automazione e a tutti i processi dell’industria 4.0.
Raccontaci la tua esperienza, come sei venuto a conoscenza di questo corso e poi cosa hai imparato e cosa stai facendo adesso.

Finito il diploma non avevo le idee molto chiare su cosa fare. Mi sarebbe piaciuto laurearmi in ingegneria meccanica, per continuare a formarmi. Poi per posta mi è arrivata la lettera di questo corso e mi sono informato. Il corso IFTS worker 4.0 tratta della quarta rivoluzione industriale e riguarda l’internet delle cose. Permette tramite un app di gestire anche un’azienda che si trova dall’altra parte del mondo, controllandone tutti i parametri e, se serve, di effettuare anche la manutenzione. Bisogna cercare di fare sempre cose nuove, aggiornarci e cercare di essere connessi con questo nuovo mondo in continua evoluzione.

Ci sono molte aziende in tutta la nazione, una è presente anche nell’Amiata, che investaono nella ricerca e sviluppo, non soltanto nelle fabbriche, ma anche nel settore edilizio e privato. Per fare un esempio nella domotica: puoi mettere un computer sul frigorifero e tramite un’istallazione del cellulare, ti comunica tutti i prodotti che hai nel frigorifero segnalandoti le scadenze. Oppure: sei fuori e tramite il cellulare puoi accendere il riscaldamento in casa.

È un ambito molto nuovo con tematiche molto attuali, che porteranno dei cambiamenti importati anche da un punto di vita lavorativo. Profili professionali come il tuo sono perfettamente centrati per affrontare questa nuova rivoluzione. Tu adesso cosa vorresti fare?

Mi sono diplomato da un paio di mesi, quindi adesso sto cercando lavoro. Mi sto informando soprattutto al nord della Toscana dove c’è più offerta, anche se questa zona piano piano si sta sviluppando sempre più.

Un consiglio che vuoi dare?

Bisogna sempre cercare di aggiornarsi, cercare di fare cose nuove, perché un lavoro non rimane per tutta la vita. Bisogna provare a fare più lavori, perché i tempi stanno cambiando e non bisogna mettere radici sul lavoro. Una fabbrica può andare bene un giorno e fallire il giorno dopo e nel frattempo si possono creare nuove aziende.

 

Scopri le opportunità di Giovanisì per Studio e Formazione

Scrivi una risposta