Il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani

“Memoria e conoscenza: semi di pace” è il titolo scelto quest’anno per la manifestazione con ragazze e ragazzi delle superiori, tra le testimonianze di chi è sopravvissuto alla Shoah e alle altre deportazioni nazifasciste. Giovedì 25 gennaio a La Compagnia di Firenze, fra gli ospiti ci saranno: le sorelle Bucci, Edith Bruck, padre Bernardo Gianni e Vera Gheno.

Il Meeting rivolto alle scuole con le testimonianze di chi è sopravvissuto alla Shoah e approfondimenti sulle altre deportazioni, all’interno di un calendario di iniziative dal 22 al 27 gennaio, molte delle quali presso il Memoriale delle Deportazioni a Firenze.

È così che la Regione Toscana celebra il Giorno della Memoria 2024, per non dimenticare lo sterminio degli ebrei e tutte le altre vittime – oppositori politici, rom e sinti, disabili, comunità Lgbtqia+, internati militari – delle persecuzioni e deportazioni nazifasciste.

Il Meeting, dal titolo “Memoria e conoscenza: semi di pace”, quest’anno si svolgerà, sempre in modalità mista, giovedì 25 gennaio (appuntamento alle 9.15 circa). Tornerà ad essere ospitato dal cinema Teatro La Compagnia di Firenze, dove arriveranno alcune studentesse e studenti delle scuole toscane ed in migliaia si collegheranno dalle loro classi.

Come di consueto, l’iniziativa è organizzata dalla Regione insieme alla Fondazione Museo della Deportazione e della Resistenza, l’Istituto storico toscano della Resistenza e dell’Età Contemporanea, in collaborazione con Ufficio scolastico regionale e Fondazione Sistema Toscana, nell’ambito di Giovanisì, il progetto regionale per l’autonomia dei giovani.

Tra gli ospiti: le sorelle Andra e Tatiana Bucci, deportate ad Auschwitz a quattro e sei anni, che non faranno mancare la loro testimonianza di sopravvissute ai campi di concentramento; padre Bernardo Gianni, abate di San Miniato al Monte di Firenze, promotore nell’ottobre scorso di una grande fiaccolata per la pace all’indomani dell’attacco terroristico di Hamas contro Israele e della controffensiva israeliana a Gaza; la linguista Vera Gheno, che assieme al moderatore dell’evento Luca Bravi, rifletterà sulle connessioni tra parole e Memoria.

Durante la mattinata saranno approfondite, insieme alla Shoah, anche le altre deportazioni, attraverso testimonianze video, film e documenti.

Nell’ambito del calendario di iniziative promosse dalla Regione Toscana, oltre al Meeting, anche presentazioni di libri e appuntamenti di approfondimento in programma tra il nuovo polo della Memoria di Gavinana dove è allestito il Memoriale degli italiani ad Auschwitz, lo stesso cinema La Compagnia e il campus universitario del Pionta di Arezzo.

Il programma del Meeting – Anche quest’anno il Meeting del Giorno della Memoria sarà un viaggio – tra voci, musica e video – per non dimenticare, approfondendo l’abisso più profondo a cui condusse il nazifascismo: l’orrore della Shoah, la deportazione di oppositori politici, internati militari italiani, rom e sinti, persone con disabilità o problemi psichici, persone discriminate per il proprio orientamento sessuale o la propria identità di genere.

Oltre alle sorelle Bucci e a padre Bernardo Gianni, che saranno fisicamente presenti a La Compagnia, interverrà on line la scrittrice di origini ebraiche Edith Bruck, sopravvissuta alla deportazione nei campi di concentramento di Auschwitz, Dachau e Bergen-Belsen.

Per raccontare la dolorosa vicenda degli Internati militari italiani (Imi), sarà proposta un’intervista video di Michele Zucchi, sopravvissuto all’eccidio di Cefalonia e al naufragio del piroscafo Margherita.

La deportazione politica sarà affrontata attraverso la storia di Tommaso Ciullini, deportato politico fiorentino, alla cui Memoria è dedicata una pietra d’inciampo, mentre la persecuzione e lo sterminio di rom e sinti attraverso la storia di Romano Held, giovane deportato a Dachau.

La deportazione della comunità Lgbtqia+ sarà approfondita grazie ad un estratto video del documentario “Baci rubati – Amori omosessuali nell’Italia fascista”, mentre la persecuzione ed eliminazione delle persone con disabilità grazie ad una lettura tratta da “Ausmerzen: vite indegne di essere vissute” di Marco Paolini. Luca Bravi, Università di Firenze, modererà l’incontro e curerà gli approfondimenti storici insieme a Vera Gheno.

Il Meeting della Memoria 2024 verrà aperto dall’Orchestra Multietnica di Arezzo diretta da Enrico Fink e dall’Alexian Group di Santino Spinelli. Subito dopo lo stesso Enrico Fink, presidente della comunità ebraica di Firenze, interpreterà ‘El male rachamim’, canto di preghiera ebraico.

A seguire, il saluto del direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale Ernesto Pellecchia, e gli interventi introduttivi dell’assessora all’istruzione e alla cultura della Memoria Alessandra Nardini e di Ugo Caffaz. Per concludere la mattinata è atteso l’intervento del presidente della Regione Eugenio Giani.

Sarà possibile seguire il Meeting in streaming: https://www.regione.toscana.it/diretta-streaming

 

Comunicato stampa di Toscana Notizie