Il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani

Le nuove tecnologie, secondo l’assessore, permettono di sostituire con discreto successo, od almeno parzialmente sostituire, le attività didattiche svolte presso sedi fisiche

 

Al fine di garantire la continuità didattica e formativa nel periodo di sospensione dei servizi educativi, scolastici e di formazione professionale nel periodo dell’emergenza sanitaria da coronavirus Covid-19, la Regione Toscana, in ottemperanza a quanto previsto dai decreti della Presidenza del consiglio dei ministri dell’8 e 10 marzo scorsi, garantisce ai propri cittadini, in particolare ai giovani che stanno acquisendo una professionalità, la possibilità di continuare a formarsi incrementando le attività della Fad, la formazione a distanza.
Al centro delle decisioni adottate in quest’ottica dalla Regione ci sono le attività organizzate con il finanziamento del Fondo sociale europeo, quelle del Progetto nazionale Garanzia giovani e le attività formative riconosciute dalla Regione.

“La formazione a distanza è considerata sostitutiva dell’attività d’aula se realizzata in modalità sincrona e rispettando alcuni requisiti fondamentali”, afferma l’assessore ad Istruzione, formazione e lavoro della Regione Toscana, Cristina Grieco, che sottolinea anche come “le nuove tecnologie, in questo periodo di ‘distanziamento sociale’, permettono di sostituire in modo efficace le attività didattiche generalmente svolte presso sedi fisiche”.

I requisiti fondamentali che i corsi a distanza devono avere, per essere riconosciuti validi, sono il tracciamento della presenza, l’effettività della connessione internet dell’allievo, le prove intermedie e l’interattività con il docente. Per consentire lo svolgimento dei controlli, al contempo, l’agenzia formativa che organizza il corso è tenuta ad inviare all’ufficio territoriale competente in materia di formazione l’indicazione del web-link e le eventuali credenziali per poter accedere da remoto alla classe virtuale.

Per quanto riguarda i corsi Iefp (i corsi relativi al sistema di istruzione e formazione professionale, ndr), inoltre, una recente delibera di Giunta, nell’ambito delle attività di formazione a distanza, ha previsto la possibilità di ricorrere al project-work, inteso come elaborazione di un documento progettuale, di un manufatto o una elaborazione multimediale, assistito a distanza dal tutor e valutato dal docente.

“Nostro obiettivo è garantire e sostenere la continuità didattica tenendo conto della specificità degli allievi e delle caratteristiche dell’offerta formativa Iefp in questa fase di emergenza”, precisa l’assessore Grieco. Che conclude: “Il ricorso al project-work va proprio in questa direzione”.

 

Comunicato stampa di Marco Ceccarini, Toscana Notizie