Fare impresa

Investimenti in agricoltura per la gestione delle risorse idriche
Contributi in conto capitale per le aziende agricole, maggiorati del 10%, in caso di under 40

Pubblicato da ggambacciani il 4 ottobre 2018

Con questo bando, la Regione Toscana concede contributi agli Imprenditori Agricoli Professionali (IAP) per sostenere investimenti aziendali finalizzati a rendere più efficiente l’utilizzo delle risorse idriche in agricoltura.

Infatti il bando concede contributi in conto capitale del 40% agli Imprenditori Agricoli Professionali che intendono realizzare, all’interno della propria azienda, investimenti per rendere più efficiente l’uso dell’acqua in agricoltura. Il contributo è maggiorato del 10%, in caso di Imprenditore agricolo professionale under 40, in possesso di determinati requisiti, per questo si inserisce nell’ambito di Giovanisì, il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani.

Il bando è finanziato dal Psr Feasr 2014-2020 ed è attivo fino al 31 gennaio 2019 ore 13 (scadenza prorogata).

CHI PUÒ PRESENTARE LA DOMANDA

Sono ammessi a presentare domanda e a beneficiare del sostegno:

  •  imprenditori agricoli professionali (IAP) iscritti, anche a titolo provvisorio, nell’anagrafe regionale (vedi l.r. luglio 2007, n. 45);
  • imprenditori agricoli professionali (IAP) riconosciuti, anche a titolo provvisorio (vedi D.Lgs 99/2004) da altre Regioni o Province autonome;
  • gli equiparati all’imprenditore agricolo professionale (IAP) (vedi art. 20 della l.r. 27 luglio 2007, n. 45)

NB: La qualifica IAP o l’equiparazione allo IAP deve essere posseduta al momento della presentazione della domanda di aiuto.

COSA PREVEDE L’AGEVOLAZIONE

La Regione Toscana concede un contributo in conto capitale del 40% per gli investimenti aziendali indirizzati a rendere più efficiente l’utilizzo della risorsa idrica in agricoltura, incluse le spese generali.
Il bando prevede una maggiorazione del contributo del 10%, nel caso di giovani imprenditori agricoli con i seguenti requisiti:

  • under 40 al momento della presentazione della domanda di contributo;
  • aver acquisito la Partita IVA come azienda agricola entro i 5 anni precedenti la domanda di contributo;
  • aver acquisito la qualifica di IAP a titolo definitivo entro i 5 anni precedenti la presentazione della domanda di contributo.

TIPOLOGIA DI INVESTIMENTI

Come indicato al paragrafo 3.1 del bando, gli interventi finanziabili prevedono investimenti materiali (come ad esempio, raccolta e stoccaggio delle acque da destinare ad uso irriguo aziendale, reti aziendali per l’adduzione/distribuzione dell’acqua e impianti di irrigazione, recupero e trattamento delle acque reflue aziendali).

Gli interventi finanziabili possono prevedere (nel limite del 6%) anche investimenti immateriali, tra cui l’acquisizione di programmi informatici per la gestione degli impianti.

COME PRESENTARE LA DOMANDA

È possibile presentare la domanda fino al 31 gennaio 2019 ore 13 (scadenza prorogata) , esclusivamente mediante procedura informatizzata, utilizzando la modulistica disponibile sulla piattaforma gestionale dell’anagrafe regionale delle aziende agricole gestita da ARTEA.

DOCUMENTAZIONE

Decreto n.15050 del 25-09-2018
Avviso pubblico
Decreto n.18987 del 28-11-2018 (proroga scadenza)

INFORMAZIONI

Settore Sostegno agli investimenti delle imprese agricole della Regione Toscana
– vai alla pagina dedicata sul sito di Regione Toscana
– Per saperne di più compila e invia online il form online

Ufficio Giovanisì – Regione Toscana
800 098719
info@giovanisi.it

 


Pubblicato il 4 ottobre 2018