Fare impresa

Creazione di Impresa – Microcredito
Avviso per l'avvio di imprese giovanili, femminili, di destinatari di ammortizzatori sociali o di liberi professionisti

Pubblicato da giovanisi il 1 marzo 2017

La Regione Toscana, nell’ambito del progetto Giovanisì, sostiene lo start up di micro e piccole iniziative imprenditoriali giovanili, femminili, di destinatari di ammortizzatori sociali o liberi professionisti, attraverso la concessione di un microcredito.

Il bando, finanziato con il POR CREO FESR 2014/2020 per un totale di oltre 20 milioni di euro.
Il soggetto gestore della misura è il Raggruppamento Temporaneo di Imprese Toscana Muove costituito tra Fidi Toscana S.p.A (soggetto capofila), Artigiancredito Toscano s.c e Artigiancassa S.p.A.
L’avviso è attivo fino a esaurimento fondi.

Cosa prevede l’agevolazione

La Regione Toscana sostiene attraverso un microcredito, ossia un finanziamento agevolato a tasso zero, nella misura del 70% del costo totale ammissibile (di importo non superiore a 24.500 euro) l’avvio di micro e piccole imprese (costituite nel corso dei due anni precedenti o ancora da costituire) o di attività di liberi professionisti. Il costo totale ammissibile del progetto non deve essere inferiore a 8.000 euro e superiore a 35.000. La durata del finanziamento è di 7 anni e il rimborso avviene in rate trimestrali posticipate costanti.

L’erogazione del microcredito, in caso di esito positivo dell’istruttoria, avviene con le seguenti modalità:

  • in conto anticipo, dopo la comunicazione di concessione, entro 45 giorni dalla richiesta per un importo non superiore all’ 80% del finanziamento concesso al beneficiario;
  • a saldo, a seguito dell’approvazione della rendicontazione totale dell’investimento, entro 90 giorni dalla richiesta del beneficiario.

Chi può presentare domanda

L’avviso si rivolge a:

  • le Micro e Piccole Imprese (MPI), nonché i liberi professionisti in quanto equiparati alle imprese (DGR n. 240/2017), giovanili, femminili oppure di destinatari di ammortizzatori sociali la cui costituzione è avvenuta nel corso dei due anni precedenti la data di presentazione della domanda di accesso all’agevolazione;
  • Persone fisiche che, entro sei mesi dalla data di comunicazione dell’ammissione della domanda, costituiranno un’attività imprenditoriale (MPI) – o un’attività di libero professionista – giovanile, femminile o di destinatari di ammortizzatori sociali. 

    Le imprese richiedenti devono avere sede legale o unità locale nel territorio regionale.

    *Definizione Micro e Piccole Imprese (MPI): vedi allegato 1 “Definizione di PMI” del Regolamento (UE) n. 651/2014

Per imprese giovanili si intendono:

a) per le imprese individuali, l’età del titolare dell’impresa non deve essere superiore a quaranta anni al momento della costituzione;
b) per le società, l’età dei rappresentanti legali e di almeno il cinquanta per cento dei soci che detengono almeno il cinquantuno per cento del capitale sociale della società medesima non deve essere superiore a quaranta anni al momento della costituzione; il capitale sociale deve essere interamente sottoscritto da persone fisiche;
c) per le imprese cooperative, l’età dei rappresentanti legali e di almeno il cinquanta per cento dei soci lavoratori che detengono almeno il cinquantuno per cento del capitale sociale non deve essere superiore a quaranta anni al momento della costituzione.

Per liberi professionisti si intendono i lavoratori autonomi in possesso di partita IVA ed esercitanti attività economica finalizzata alla prestazione di servizi o di opere a favore di terzi.

Attività di tutoraggio

I soggetti beneficiari potranno usufruire di un servizio di tutoraggio da parte del soggetto gestore (Toscana Muove). In particolare tali “Servizi ausiliari di assistenza e monitoraggio” (vedi art. 5.8 del bando), consistono in:

  • Supporto alla definizione della strategia di sviluppo del progetto finanziato e all’analisi di soluzioni per il miglioramento dello svolgimento dell’attività
  • Supporto all’individuazione e diagnosi di eventuali criticità dell’implementazione del progetto finanziato

Come presentare domanda

La domanda può essere inviata solo per via telematica utilizzando la piattaforma web di Toscana Muove. Prima di presentare la domanda, però è necessario registrarsi al sito, nella sezione Registrazione per ottenere le credenziali di accesso alla piattaforma web.
Oltre alla domanda di agevolazione, è necessario presentare una proposta progettuale che deve comprendere:
• relazione descrittiva del progetto;
• prospetto dei costi per voci di spesa;
• piano finanziario (fonti/impieghi);

La proposta progettuale deve essere corredata da tutta la documentazione prevista dall’art. 4.3 del bando. L’attività istruttoria da parte di Toscana Muove si conclude entro 45 giorni dalla presentazione della domanda.

Il bando è attivo fino a esaurimento fondi.

Documentazione

Decreto n.13454 del 22-08-2018
Avviso pubblico

Informazioni

Toscana Muove (vai su Bandi gestiti/Creazione impresa – microcredito)
800 327 723 (lun-ven 8.30-17.30)
info@toscanamuove.it
Sportelli informativi territoriali per informazione e assistenza tecnica a fini della presentazione delle domande

Giovanisì – Regione Toscana
800 098 719 (lun-ven, ore 9.30-16)
info@giovanisi.it

Settore Politiche Orizzontali di Sostegno alle Imprese della Regione Toscana
Vai alla pagina dedicata sul sito di Regione Toscana

 

precedenti Avvisi

Documentazione valida fino al 10 agosto 2018:
Decreto n.12603 del 31/08/2017
Avviso pubblico

Documentazione valida fino al 17 settembre 2017:
Decreto n.1007 del 01/02/2017
Avviso pubblico

 


 

striscia-fesr

Pubblicato il 1 marzo 2017