Eventi, Studio e formazione

Erasmus, dalla Regione un milione per borse di studio più “ricche”

Pubblicato da giovanisi il 4 dicembre 2012

Sono moltissimi (1.173 giovani in Toscana, quasi 20.000 in Italia nell’anno accademico 2010-2011) gli studenti universitari che chiedono di “andare in Erasmus”, ossia di trascorrere una parte del loro periodo di studio in un istituto di istruzione superiore di un altro paese. Ma sono anche sicuramente moltissimi gli studenti che, per le loro condizioni economiche, non possono permettersi questa avventura, la possibilità di seguire corsi e preparare la laurea all’estero, con la garanzia del riconoscimento del periodo di studio e degli esami sostenuti. Questo perché il contributo UE previsto per la mobilità di studio è esiguo, 230 euro mensili che salgono a 500 euro nel caso della mobilità per tirocinio.

Per rendere possibile anche a studenti meno abbienti di poter usufruire di questa possibilità, la Regione Toscana ha deciso di impegnare circa 1 milione di fondi regionali che arricchiranno le borse di studio dei giovani toscani che parteciperanno all’Erasmus a partire dal 2013. Lo ha annunciato oggi il presidente Enrico Rossi, nel corso di un incontro, che si è svolto nella sala Pegaso di Palazzo Strozzi Sacrati con una rappresentanza di giovani che hanno fatto esperienza all’estero attraverso il Programma Erasmus.

Nel corso dell’incontro si è anche parlato di una nuova collaborazione con le istituzioni che in Toscana partecipano al Programma, attraverso la prossima firma di un protocollo per l’istituzione di un tavolo permanente volto a promuovere il tema della mobilità tra i giovani.

L’iniziativa è stata avviata con la collaborazione di Agenzia Nazionale Lifelong Learning Programme, Conservatorio di musica Luigi Cherubini, European University Institute, IMT – Institute for Advanced Studies Lucca, ISIA – Istituto Superiore per le Industrie Artistiche di Firenze, ISSM Rinaldo Franci, ISSM Pietro Mascagni, Scuola Normale Superiore, Scuola Superiore Sant’Anna, Università degli Studi di Siena, Università degli studi di Firenze, Università di Pisa, Università per Stranieri di Siena, Esn-Ges e Fondazione GaragErasmus.b. E’ inoltre prevista nei prossimi giorni anche la stipula di un protocollo con Europedirect e Eurodesk per fare sinergia e favorire la partecipazione dei giovani alla mobilità.

Oggi infine la Fondazione GaragErasmus (www.garagerasmus.org ) ha lanciato l’applicazione web ‘check-in Europe’, che ha l’obiettivo di riunire il maggior numero di ex erasmus in Europa. L’applicazione in versione beta è stata presentata al Parlamento Europeo il 5 novembre scorso e ha ottenuto il supporto della Commssione Europea e del Parlamento Europeo. Il presidente Rossi è stato il primo a fare il “check-in” e quindi ad aderire alla rete.

Che cosa è il programma Erasmus

Il programma Erasmus incentiva e promuove la mobilità studentesca in Europa da 25 anni. È un programma ormai consolidato e conosciuto da tutti gli studenti universitari. Negli anni si è registrata una partecipazione sempre crescente. Ad oggi il panorama Erasmus è molto variegato e comprende diversi progetti tra cui: mobilità per fini di studio e per tirocinio, i programmi intensivi, mobilità per il personale docente e amministrativo I paesi coinvolti negli scambi non sono solo i paesi dell’UE ma anche paesi extraeuropei come Turchia, Svizzera, Norvegia Liechtenstein, Islanda.

I programmi di mobilità della Regione Toscana

Nello spazio Muoversi del portale di Giovanisì sono proposte tutte le opportunità che il progetto regionale offre per le esperienze di mobilità in Italia e all’estero. Si tratta di bandi che offrono ai giovani toscani la possibilità di svolgere esperienze di studio, formazione, tirocinio o lavoro in altre regioni d’Italia o all’estero. In particolare voucher per l’accesso a percorsi di alta formazione in Italia e all’estero per facilitare la partecipazione a percorsi di alta formazione (Master, Dottorati, Specializzazioni) in Italia o all’estero; corsi di dottorato che potranno fruire delle borse regionali; prestiti d’onore per giovani laureati (22-35 anni) per la prosecuzione degli studi dopo il conseguimento della laurea (master, corso di specializzazione, dottorato di ricerca) sia in Italia che all’estero; stage all’estero relativi ai percorsi di formazione professionale post diploma IFTS attraverso voucher assegnati ai vincitori del bando annuale; voucher ai vincitori del bando annuale per attivazione di stages all’estero; Servizio Civile all’estero.

[Notizia collegata]: Erasmus: ecco le esperienze di sei giovani toscani

 

Comunicato stampa di Susanna Cressati, Toscana Notizie

Pubblicato il 4 dicembre 2012
Tags: erasmus, Rossi