Il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani
Blog

Quest’anno il concorso grafico promosso dall’associazione ARCI di firenze, con il contributo di Assicoop Toscana SpA _ Agente Generale UnipolSai Assicurazioni e con il sostegno delle associazioni che si occupano di contrasto alla violenza a promozione dell’uguaglianza di genere come Artemisia, Azione Gay e Lesbica e Il Giardino dei Ciliegi; avrà come tema la lotta contro i pregiudizi e gli stereotipi di genere.

Verrà premiato il manifesto che disinnesca luoghi comuni, frasi fatte e ogni tipo di “principi assoluti” e che sarà in grado di denunciare lo stato di cose presente e farsi portavoce di un’apertura: quella rivolta alle infinite possibilità che ogni individuo ha di costruirsi come soggetto, quindi di studiare, di lavorare, divertirsi, caratterizzarsi nel modo più corrispondente a se stesso, e non a quello verso il quale si viene costantemente indirizzati.

A chi è rivolto

La partecipazione al concorso è riservata alle persone (o gruppi di persone) d’età compresa tra i 16 e i 40 anni (da compiere alla data di scadenza del bando).

La proposta che risulterà vincitrice del concorso verrà premiata con:

– la stampa e la diffusione del manifesto nei circoli affiliati ad Arci Firenze;

– una tavoletta grafica

Il secondo e il terzo classificato saranno premiati con una targa.

La miglior opera realizzata da un minorenne o da un gruppo di minorenni sarà premiata con un buono per l’acquisto di materiale artistico.

Tutti i progetti grafici pervenuti, compresi quelli premiati, potranno inoltre essere utilizzati in seguito per la realizzazione di manifesti, locandine, cataloghi o altri materiali.

Come partecipare

È necessario inviare la propria proposta seguendo le indicazioni riportate sul bando al seguente link

Quando

La proposta deve essere inviata entro le ore 17 del 17 Febbraio 2020.  La premiazione si terrà in occasione dell’8 marzo.

Per informazioni

La segreteria del concorso è a disposizione per eventuali chiarimenti e informazioni:

 

Fonte: Arci Firenze

 

Lascia un commento