Il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani
Blog

savethedate-01Ritmi africani e reggae si uniscono a canzoni popolari della Nigeria. Questo succederà grazie all’incontro di un gruppo di giovani mugellani appassionati di musica e di alcuni coetanei di origine africana alloggiati in uno dei centri di accoglienza per richiedenti asilo del Mugello. E’ il progetto “Musica libera”, selezionato dal primo bando del progetto CALL.

CALL (Centri di Aggregazione, Luoghi e Laboratori) è tra i progetti vincitori di “Giovani Attivi”, Bando di aggregazione giovanile ed animazione finanziato da Regione Toscana – Giovanisì, in accordo con il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale”.

Il progetto ‘Musica libera’, proposto da Leonardo Parisio, Bernardo Boganie Giulio Talpin Squarcini, ha dato vita ad un ciclo di laboratori d’improvvisazione musicale con alcuni ragazzi nigeriani alloggiati nella struttura di San Gavino a Scarperia: Destiny, Wellington, Sunday, Sannusi, Prince. Ragazzi con storie difficili alle spalle, ma che, grazie alla musica, hanno trovato un modo per incontrarsi e dialogare con i loro coetanei in uno scambio di idee, competenze e gusti musicali.

I laboratori, iniziati ad Aprile, hanno portato ad una serie di concerti che si concluderanno il 30 Luglio, ore 21:00, a Borgo San Lorenzo, presso il Centro d’Incontro di Piazza Dante 33, in una serata organizzata in collaborazione con il gruppo ‘Konsonante’ del Progetto educativo per adolescenti “Kontatto”.

Per informazioni sul progetto CALL visita il sito:  www.progettocall.info