Il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani
Blog

Aperte le iscrizioni  al laboratorio di cinema del progetto “La banalità del bene”, promosso da Avad e realizzato grazie al contributo del Cesvot. Le attività si terranno ad Arezzo.

Promosso dall’Associazione di Volontariato AVAD e realizzato grazie al contributo del CESVOT, il progetto “La banalità del bene” prevede l’attivazione di un LABORATORIO DI CINEMA totalmente gratuito per 15 giovani di età compresa tra i 16 e i 25 anni.

Il laboratorio è di 80 ore complessive, suddivise in incontri da 2 ore, da novembre 2014 ad aprile 2015, durante i quali sono previste proiezioni di film, interventi di persone che collaborano con associazioni di volontariato, attività teorico-pratiche sulle varie fasi di costruzione di un cortometraggio (sceneggiatura, illuminazione, edizione, regia, montaggio, ecc.), e una sessione finale di 2 fine settimana intensivi per la realizzazione di un cortometraggio.

Le attività laboratoriali si terranno nei locali del Centro Giovani “Onda d’Urto” di Villa Severi, in via Via Francesco Redi n. 13 ad Arezzo.

Il percorso sarà tenuto da esperti e formatori provenienti dall’Associazione Culturale IDEATICA, che metterà a disposizione anche tutte le attrezzature tecniche necessarie alla realizzazione del laboratorio e del cortometraggio.

Per partecipare all’iniziativa è necessario compilare la domanda di partecipazione che può essere scaricata dal sito web www.labanalitadelbene.ideatica.it alla sezione “IL LABORATORIO”. La scadenza per inviare la domanda di partecipazione è il 31/10/2014.

È prevista una selezione motivazionale che sarà effettuata nella settimana successiva alla scadenza delle iscrizioni.

 

 

Lascia un commento