Fare impresa, Lavoro

Oltre 3.000 liberi professionisti in Toscana hanno utilizzato le risorse dei fondi europei

Pubblicato da dbernacchioni il 8 giugno 2018

Voucher formativi per giovani professionistiSono oltre 3.000 i professionisti che in Toscana hanno potuto avere accesso alle misure previste dai fondi comunitari. Il dato è emerso nella relazione tenuta da Gianfranco Simoncini, consigliere del presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, al convegno dedicato alle professioni intellettuali svoltosi oggi alla Camera di Commercio di Livorno.

Simoncini, richiamando il valore occupazionale (10% degli occupati totali) economico(circa il 20% del pil toscano), ha innanzitutto fotografato la situazione di un settore che è molto cresciuto numericamente  anche negli anni della crisi (i liberi professionisti sono oltre 150.000), e che quindi  in una situazione di stagnazione della domanda, corre il rischio di indebolirsi. Emblematico il dato sui fatturati: il 60% degli studi professionali denuncia un fatturato inferiore ai 50.000 euro l’anno.
La Regione si è quindi collocata a fianco e  a sostegno di un mondo variegato tra avvocati, medici, architetti, ingegneri e professionisti di molte altre discipline, ma costituito prevalentemente da giovani (quasi il 50% è sotto i 40 anni) varando sin dal 2008 una legge regionale ad hoc,  la 73 del 2008, a sostegno del settore.
Il passaggio successivo è stata la possibilità di includere i professionisti tra i destinatari dei fondi comunitari in tutti i bandi: i bandi in molte altre regioni italiane ancora oggi sono strutturati in modo tale da consentire solo la partecipazione delle imprese.

Ecco dunque i risultati concreti già ottenuti nell’ambito del programma operativo del Fondo sociale europeo (Por Fesr) e in quello del fondo europeo di sviluppo regionale (Por Fse) così’ come ricordati nell’appuntamento di oggi.
La misura più gettonata dai liberi professionisti  è stata quella che prevede la retribuzione dei praticantati: nella programmazione scorsa (2007-2013) erano già stati finanziati 539 praticantati  per un impegno di 1,5 milioni di euro, in questa le domande presentate sfiorano le 1.000.
E ancora 800 circa nel programma attuale  sono le domande di finanziamento per voucher di formazione continua (con disponibilità finanziaria di 1,5 milioni) , e 135 le domande per il coworking (i fondi disponibili sono di 732.000 euro).
Altra misura gettonata dai professionisti (262 domande)  è il fondo di rotazione che consente di avere prestiti garantiti a tasso zero: in questo caso è disponibile un milione di euro proveniente dal bilancio regionale.

Se si prendono poi in considerazione le misure del Por Fesr, i numeri delle domande si riducono fortemente ma solo per un motivo temporale: è da appena un anno che sono state attivate queste misure per i liberi professionisti, i quali hanno ora a disposizione forme di microcredito, fondi per il supporto all’internazionalizzazione e  per presentare progetti di ricerca e sviluppo.

Tutti questi interventi si inseriscono all’interno di Giovanisì, il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani.

Per  diffondere la conoscenza di queste ultime opportunità, più in generale, per conoscere in maniera più approfondita le politiche attive della Regione per il mondo delle professioni  la Regione ha programmato un tour di incontri nelle città capoluogo: Arezzo ha ospitato la prima tappa, Livorno, oggi, la seconda.

 

Comunicato stampa di Massimo Orlandi, Tocsana Notizie

Pubblicato il 8 giugno 2018