Studio e formazione

Diritto allo studio universitario, nuova casa dello studente a Sesto Fiorentino

Pubblicato da giovanisi il 29 novembre 2017

dsuInaugurazione stamani a Sesto Fiorentino per la nuova residenza universitaria in via Lazzerini, vicino al polo scientifico: 91 posti letto già occupati da ottobre e una dedica particolare. La casa dello studente è stata infatti intitolata a due giovani partigiani combattenti, studenti allora a Firenze:  Gianfranco e Teresa Mattei, lui morto in carcere e lei, ideatrice della mimosa simbolo dell’8 marzo, deputata della Costituente a soli 25 anni.  

Al taglio del nastro c’era anche la vice presidente della Toscana Monica Barni.  “L’apertura di questa residenza -ha sottolineato – conferma gli ingenti investimenti che la Regione sta continuando a fare nel campo dell’edilizia residenziale pubblica destinata agli studenti iscritti agli atenei della Toscana in condizioni economiche svantaggiate, in un momento in cui le garanzie sociali per i più deboli vengono costantemente ridotte”.

La Toscana è infatti da questo punto di vista una delle Regioni più virtuose, per numero e qualità dei servizi offerti. Ogni anno sul diritto allo studio universitario vengono investiti 35 milioni di risorse che provengono da fondi nazionali e dalla tassa pagata dagli studenti. A questi la Regione ne aggiunge con fondi propri quasi altri ventisette. In questo modo vengono garantite le borse di studio a tutti coloro che ne hanno diritto (14.680 l’ultimo dato) ma si investe  anche sui posti letto (4800 all’ultimo censimento) e sulla mensa, che sforna ben 4 milioni di pasti.
I bandi annuali del DSU Toscana per le borse di studio e i posti alloggio si inseriscono all’interno di Giovanisì.

La nuova casa dello studente inaugurata stamani conta quattro piani e  oltre alla camere (doppie, singole e quattro attrezzate per studenti diversamente abili) dispone di tutti i servizi necessari: lavanderia, sale studio, locali per più funzioni, sala internet. Con la nuova residenza salgono a 1757 i posti letto garantiti dal diritto allo studio universitario a Firenze e provincia.    

 

Comunicato stampa di Walter Fortini, Toscana Notizie

Pubblicato il 29 novembre 2017