Studio e formazione

Alternanza scuola lavoro, l’evento per la chiusura del quarto ciclo

Pubblicato da giovanisi il 26 maggio 2017

Grieco scuola-lavoroI volti soddisfatti, sia degli studenti che dei tutor, hanno fatto da cornice alla plenaria di chiusura della quarta esperienza di alternanza scuola lavoro, svolta presso gli uffici della giunta regionale. L’evento si è tenuto stamattina a Palazzo Bastogi a Firenze. L’esperienza, che ha coinvolto 34 ragazzi in rappresentanza di 13 istituti tecnici superiori toscani e 17 dipendenti regionali in veste di tutor, “è stata molto positiva – ha detto l’assessore regionale all’istruzione, formazione e lavoro Cristina Grieco – e ovviamente sarà non soltanto attivata nei prossimi anni ma anche potenziata”.

“I ragazzi – ha aggiunto l’assessore – che hanno prestato servizio presso gli uffici della giunta regionale, hanno potuto entrare in contatto con il mondo del lavoro, in un ambiente complesso come quello di un’istituzione pubblica, e maturare esperienza che si ritroveranno nel proprio curriculum. Ovviamente per il futuro contiamo di portare avanti questo percorso che è arrivato al quarto anno. Il bando uscito nelle settimane scorse, che si inserisce nel progetto regionale per l’autonomia dei giovani Giovanisì, mette a disposizione 2,8 milioni di euro. Grande soddisfazione anche da parte dell’Istituto scolastico regionale che ha sottolineato l’elevato grado di qualità dei lavori realizzati dai ragazzi”.

In sintesi, sono state coinvolte 8 direzioni della giunta regionale e, al loro interno, 13 settori con 17 dipendenti regionali in qualità di tutor aziendali. Gli studenti accolti sono stati in totale 34 , di cui 2 di classe III, 30 di classe IV e 2 di classe V, provenienti da 13 istituti tecnici superiori della Toscana. Più nel dettaglio, 17 fanno parte di licei e 17 di istituti professionali. Dei 13 istituti coinvolti, 10 fanno parte della Città Metropolitana di Firenze, e 1 ciascuno delle province di Lucca, Pistoia e Prato.

 

Comunicato stampa di Federico Taverniti

Pubblicato il 26 maggio 2017