Fare impresa

Fare impresa – avviamento di imprese per giovani agricoltori (proroga scadenza al 16/11/2015)

Pubblicato da giovanisi il 1 luglio 2015

Giovanisì: Imprenditoria agricolaLa Regione Toscana, nell’ambito del progetto Giovanisì, promuove il ricambio generazionale in agricoltura con l’obiettivo di aumentare la redditività e competitività del settore, attraverso l’insediamento di giovani agricoltori.

Con l’avviso pubblico “Aiuto all’avviamento di imprese per giovani agricoltori” (Pacchetto Giovani del Programma di Sviluppo Rurale) si interviene secondo una logica di progettazione integrata che consente di ottenere un premio per l’avviamento dell’attività agricola e dei contributi agli investimenti attraverso l’attivazione obbligatoria di almeno uno fra i seguenti tipi di operazione del Programma di Sviluppo Rurale:

  • Sostegno agli investimenti alle aziende agricole(Sottomisura 4.1)
  • Sostegno a investimenti nella creazione e nello sviluppo di attività extra-agricole(Sottomisura 6.4)

 

VALIDITA’ DELL’AVVISO PUBBLICO

E’ possibile presentare domanda a partire dal 1° luglio 2015 (giorno della pubblicazione dell’avviso sul BURT – Bollettino Ufficiale della Regione Toscana). Scadenza prorogata al 16 novembre 2015 alle ore 13 (vedi il Decreto n.4800 del 22/10/2015).

BENEFICIARI

L’Avviso pubblico è rivolto ai giovani agricoltori che si insediano per la prima volta in una azienda agricola, in forma singola (ditta individuale) o associata (società di persone, società di capitale e cooperative agricole di conduzione) e che al momento della presentazione della domanda di aiuto soddisfano i seguenti requisiti:

  • hanno un’età compresa fra i 18 anni (compiuti) e i 40 anni (non compiuti);
  • presentano un piano aziendale (vedi paragrafo 6 dell’Avviso Pubblico);
  • si impegnano ad essere conformi alla definizione di “agricoltore attivo” di cui all’art. 9 del REG (UE) 1307/2013  entro 18 mesi dalla data dell’insediamento e comunque non oltre la conclusione del piano aziendale;
  • possiedono o si impegnano ad acquisire adeguate qualifiche e competenze professionali entro la data di conclusione del piano aziendale;
  • si impegnano a diventare imprenditore agricolo professionale (iscrizione non a titolo provvisorio) ai sensi della L.R. 27/07/2007 n.45 (Norme in materia di imprenditore e imprenditrice agricoli e di impresa agricola) e del relativo Regolamento di attuazione n. 6/R del 18/02/2008 entro la data di conclusione del piano aziendale;
  • si insediano in un’azienda agricola che, ai sensi dell’art. 19 paragrafo 4 del REG (UE) 1307/2013, al momento della presentazione della domanda, ha la potenzialità di raggiungere una dimensione espressa in termini di standard output non inferiore a 13.000 euro e non superiore a 190.000 euro; il dimensionamento in termini di standard output è determinato con riferimento alla tabella del Consiglio per la Ricerca in Agricoltura (CRA) e dell’Istituto nazionale di economia agraria (Inea) “Produzioni standard 2010″ integrata con alcuni esempi di produzioni/allevamenti tratti dalla tavola di concordanza Codici PAC/Codici Produzioni Standard.
  • si insediano per la prima volta in qualità di capo azienda nei 6 mesi precedenti alla presentazione della domanda di aiuto.

N.B. E’ ammesso l’insediamento di più giovani nell’ambito della stessa società (‘Insediamento plurimo’ – vedi art. 3 dell’avviso pubblico)

TIPOLOGIA DI AGEVOLAZIONE

L’agevolazione consiste in un premio all’avviamento fissato in 40.000 euro per ciascun giovane che si insedia o in 50.000 euro nel caso di insediamento in aziende ricadenti completamente in aree montane ai sensi del comma 1 lett. a) dell’art.32 del REG (UE) 1307/2013. In caso di insediamenti plurimi sono erogati fino ad un massimo di cinque premi con la presentazione di un unico piano aziendale.
E’ inoltre previsto un contributo in conto capitale sugli investimenti previsti con le sottomisure attivate in misura variabile a seconda del tipo di operazione effettuata (vedi paragrafo 6.4 dell’avviso pubblico).

MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

Il richiedente può presentare domanda di aiuto dal 1 luglio 2015 fino alle ore 13.00 del 16 novembre 2015 (scadenza prorogata). La domanda di aiuto deve essere presentata esclusivamente tramite procedura informatizzata, redatta sulla modulistica disponibile sul sistema informatico dell’Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura (ARTEA*).
Nel caso di insediamento plurimo, la domanda di aiuto deve essere sottoscritta dal giovane amministratore e legale rappresentante che partecipa al Pacchetto Giovani e che è stato delegato a tale scopo da parte degli altri soci.. Nella documentazione allegata alla domanda di aiuto dovrà inoltre essere presente una dichiarazione di adesione e la delega alla sottoscrizione della domanda da parte degli altri soci.
Prima della presentazione della domanda di aiuto il richiedente deve iscriversi nell’anagrafe regionale del sistema informatico di ARTEA e documentare la propria posizione anagrafica mediante la costituzione del fascicolo aziendale elettronico ai sensi del DPR 503/1999.

DOCUMENTAZIONE

– Decreto n.7387 del 04/08/2016
Decreto n.2841 del 19/06/2015
Avviso Pubblico
Decreto n.3577 del 30/07/2015 (integrazione all’Avviso pubblico)
Decreto n.4488 del 09/10/2015 (ulteriori integrazioni all’Avviso pubblico)

 

INFORMAZIONI

Regione Toscana:
Scrivi all’Assistenza sul Programma di Sviluppo Rurale 2014-20 della Regione Toscana
Scarica la presentazione del bando
– Vai alla pagina dedicata sul sito web di Regione Toscana

Artea:
Help on line

Giovanisì:
Numero verde 800 098 719 (lun-ven, ore 9.30-16)
info@giovanisi.it


Testata PSR 2014-2020

Pubblicato il 1 luglio 2015