Agricoltura, Fare impresa

Agricoltura, via libera ufficiale dall’Ue al Programma di Sviluppo Rurale

Pubblicato da giovanisi il 27 maggio 2015

C’è soddisfazione in Regione Toscana per il via libera ufficiale da parte della Commissione Europea al Programma di sviluppo rurale della Regione Toscana, che per il periodo 2014-2020 conta su un budget di 961 milioni di euro di fondi pubblici, di cui oltre 414 milioni dal bilancio europeo.

Il Programma di sviluppo rurale 2014-2020 della Toscana è basato su 6 priorità, che in estrema sintesi si riassumono in: innovazione, redditività, filiere, tutela dell’ambiente, promozione fonti energetiche rinnovabili, integrazione sociale.

Di conseguenza il 45,62% dei finanziamenti, pari a 438,8 milioni di euro, è destinato alla redditività delle imprese agricole, alle tecnologie innovative, all’ammodernamento delle aziende e alla diversificazione, a promuovere l’organizzazione della filiera agroalimentare. Queste risorse pubbliche consentiranno di sostenere interventi per una spesa totale pubblico-privato di circa 1 miliardo di euro.

Il 30,9% delle risorse, pari a circa 297,3 milioni sarà destinato all’ambiente, ovvero alla conservazione, al ripristino e alla valorizzazione degli ecosistemi connessi all’agricoltura e alla silvicoltura, alla tutela della biodiversità, alla prevenzione dell’erosione dei suoli e alla loro migliore gestione.

L’11,8% dei finanziamenti, pari a 113,3 milioni serviranno ad incentivare l’uso più efficiente delle risorse idriche e dell’energia e a favorire l’uso di energie rinnovabili per ridurre le emissioni di gas serra. Le risorse per lo sviluppo economico e per l’inclusione sociale delle comunità rurali ammontano a 98 milioni di euro (10,2% del totale) e di queste 40 milioni andranno allo sviluppo ldella banda larga e ultralarga nelle aree rurali.

Il programma LEADER (interventi per promuovere lo sviluppo sostenibile delle aree rurali più fragili) avrà a disposizione 58 milioni di euro. La percentuale di risorse destinata all’assistenza tecnica è pari all’1,4%.

Giovanisì Fare impresa agricolturaUna dotazione importante, pari a 81 milioni, che viene “spalmata” su tutte le misure, è destinata a promuovere il trasferimento di conoscenze e l’innovazione, con attività di formazione, informazione, servizi di consulenza e per stimolare la cooperazione e lo sviluppo di conoscenze nelle zone rurali.

Un’altra fetta importante sarà destinata alla progettazione integrata che verrà attivata sia con i Progetti Integrati di Filiera, sia con il Pacchetto Giovani (inserito all’interno del progetto Giovanisì). Si tratta di bandi multimisura, volti a promuovere progetti in cui vengono attivate più misure contemporaneamente.

 

Comunicato stampa di Laura Pugliesi, Toscana Notizie

Pubblicato il 27 maggio 2015