Eventi

Agricoltura e bioeconomia: opportunità per i giovani. Convegno internazionale per Expo Rurale

Pubblicato da giovanisi il 18 settembre 2014

Si chiama “bioeconomia” e potrebbe diventare una parola magica per l’occupazione giovanile. Se ne discuterà a Firenze, durante un seminario promosso dalla Regione che si svolgerà domani,  19 settembre nell’ambito di Expo Rurale 2014. Il titolo è significativo: “Il ruolo della Ricerca e dell’Innovazione nella bioeconomia come leva per incrementare l’occupazione giovanile nei settori agricolo e forestale: storie di successo e prospettive future”

I lavori si svolgeranno al palazzo degli Affari di Firenze (orario 8,30-13.00) e vedranno la partecipazione del presidente della Regione, Enrico Rossi, dell’assessore regionale all’agricoltura e foreste, Gianni Salvadori, e di numerosi rappresentanti di regioni europee aderenti alla rete NAT (comitato delle Regioni Europee per le risorse naturali).

“La bioeconomia, grazie al suo enorme potenziale innovativo – fa notare l’assessore Salvadori – può dare risposta a molte delle sfide dei prossimi anni: dal risanamento ambientale, al cambiamento climatico, all’invenzione di nuovi medicinali naturali, all’utilizzo di risorse rinnovabili (es. biomasse, riutilizzo di scarti delle lavorazioni ecc.) alla necessità di sfamare un mondo in cui i fabbisogni alimentari aumenteranno del 70% da qui al 2050. Il seminario intende analizzare le opportunità di occupazione per i giovani che potranno derivare dalla ricerca e dall’innovazione applicate alle aree agricole e forestali, evidenziando le condizioni ed i settori della bioeconomia che più si adattano al territorio.”

“Per quanto riguarda la Toscana – continua Salvadori – vorremmo attivare sinergie e azioni per collegare le risorse dello sviluppo rurale, alla ricerca e allo sviluppo economico, per sostenere i settori della bioeconomia che intendono presentare un potenziale maggiore per l’occupazione giovanile, sostenendo politiche di formazione e favorendo l’ingresso dei giovani in questi settori. Questo anche tenuto conto che le tematiche dell’innovazione, dello sviluppo sostenibile, e dell’occupazione sono alla base delle strategie della nuova programmazione sia dello sviluppo rurale che di Horizon 2020.”

A questo proposito Salvadori ricorda che la “Rete delle regioni Europee per l’innovazione nel settore agricolo, forestale ed agroalimentare” (acronimo ERIAFF) ha avuto origine nell’ambito di Expo Rurale 2012. La Toscana è la coordinatrice della rete, che oggi conta l’adesione di circa 50 regioni europee.

Fra i partecipanti al seminario è prevista la presenza del Presidente della Commissione NAT, René Souchon, Presidente della Regione francese di Auvergne ed ex Ministro francese per l’Agricoltura, Rogier Van Der Sande, del consiglio provinciale Olanda del Sud, Henk Brink, del Consiglio Provinciale di Drenthe, rappresentanti della Direzione Generale per l’Agricoltura e lo Sviluppo Rurale della Commissione Europea ed esponenti del mondo delle imprese impegnate sulla bioeconomia. Rappresentanti dell’Associazione Europea dei giovani agricoltori (CEJA) testimonieranno le loro esperienze sul tema della bioeconomia in relazione alla produzione agricola e forestale.

Durante il seminario è previsto un dibattito che sarà moderato dal professor Augusto Marinelli, dell’Università di Firenze, al quale sono stati invitati i parlamentari europei eletti nella circoscrizione del centro Italia.

 

Comunicato stampa di Laura Pugliesi, Toscana Notizie

Pubblicato il 18 settembre 2014