Fondo per giovani professionisti

Pubblicato da giovanisi il 12 aprile 2013

NOTA:
Dal 1 ottobre 2013 la misura è sospesa in attesa di una nuova riassegnazione del servizio di gestione da parte della Regione Toscana

 

La Regione Toscana con il regolamento “norme in materia di sostegno all’innovazione delle attivita professionali intellettuali” promuove un fondo di rotazione per la prestazione di garanzie per i giovani professionisti 

Soggetti beneficiari
Possono accedere alla garanzia:
1. i giovani professionisti di età non superiore a 40 anni;
2. gli esercenti la pratica od il tirocinio professionale di età non superiore a 30 anni,

  • che hanno domicilio professionale prevalente in Toscana (ovvero la realizzazione di almeno il 60 per cento del reddito da attività professionale svolta in Toscana)

e che, alternativamente, sono:

  • iscritti in albi ovvero elenchi o registri tenuti da ordini o collegi professionali;
  • iscritti ad associazioni o fondazioni con personalità giuridica di cui all’art. 5 della L.R. 73/2008, espressione di professionisti prestatori d’opera intellettuale che esercitano professioni non ordinistiche;

3. gli Ordini e Collegi professionali od Associazioni professionali, anche di secondo grado aventi sede in Toscana.

Operazioni garantibili
1. di importo massimo di 4.500,00 Euro, per gli esercenti la pratica od il tirocinio professionale e per gli appartenenti alle associazioni di professionisti prestatori d’opera intellettuale, finalizzati all’acquisizione di strumenti informatici;
2. di importo massimo di 13.500,00 Euro, per i giovani professionisti, finalizzati al supporto alle spese di impianto dei nuovi studi professionali, anche on line, mediante:

  • progetti di avvio e sviluppo di studi professionali, con priorità per quelli organizzati, nelle forme previste dalla legge, in modo associato od intersettoriale tra giovani professionisti;
  • programmi per l’acquisizione di beni strumentali innovativi e tecnologie per l’attività professionale, in coerenza con le iniziative regionali di sviluppo e standardizzazione delle tecnologie dell’informazione e della conoscenza;
  • progetti finalizzati a garantire la sicurezza dei locali in cui si svolge l’attività professionale.

3. di importo massimo di 50.000,00 Euro, a fronte di progetti innovativi per la migliore strutturazione od organizzazione di Ordini, Collegi od associazioni;
4. di importo massimo di 100.000,00 euro, per il cofinanziamento di quote di progetti europei od azioni od attività che innovino i servizi professionali verso gli utenti.

L’operazione finanziaria non può avere durata inferiore a 18 mesi e superiore a 60 mesi.

L’importo massimo dei finanziamenti è da intendersi per professionista o soggetto giuridico ammesso, al netto del capitale rimborsato.

La garanzia può essere richiesta:

  • per operazioni non ancora deliberate dai soggetti finanziatori;
  • per operazioni già deliberate, ma non ancora concesse dai soggetti finanziatori, a condizione che le richieste arrivino al soggetto gestore entro due mesi dalla data della delibera dei soggetti finanziatori.

Misura della garanzia 
La garanzia del fondo è diretta, esplicita, incondizionata, irrevocabile ed è rilasciata ai soggetti finanziatori per un importo massimo garantito pari al 60% dell’importo di ciascun finanziamento o di ciascun progetto innovativo. La garanzia è elevata all’80% qualora la domanda di ammissione è richiesta da giovani professioniste.

La garanzia rilasciata copre l’ammontare dell’esposizione (comprensiva di capitale, interessi contrattuali e di mora) del soggetto finanziatore nei confronti del professionista, dell’Ordine, Collegio od associazione professionale.

L’ammontare del fondo è riservato:

  • per il 50% ai finanziamenti richiesti dagli esercenti la pratica od il tirocinio professionale e dagli appartenenti alle associazioni di professionisti prestatori d’opera intellettuale, per l’acquisizione di strumenti informatici e dai giovani professionisti per il supporto alle spese di impianto dei nuovi studi professionali;
  • per il 50% , per la migliore strutturazione od organizzazione di Ordini, Collegi od associazioni e per il cofinanziamento di quote di progetti europei od azioni od attività che innovino i servizi professionali verso gli utenti

Garanzie accessorie
Sui finanziamenti garantiti dal fondo non possono essere acquisite garanzie personali, reali, bancarie o assicurative.

Costo della garanzia
Gratuita

Come ottenere il prestito e attivare la garanzia
I soggetti, che sono in possesso dei requisiti descritti nel paragrafo “Beneficiari”, possono accedere al fondo consegnando direttamente alle Banche aderenti la domanda di richiesta di attivazione della garanzia per gli interventi decritti nel paragrafo “Oggetto, natura e misura della Garanzia”. Sarà la Banca stessa a chiedere a Fidi  Toscana, in nome e per conto del beneficiario, l’accesso al fondo. Per altre info sulle procedure scarica la scheda informativa redatta da Fidi Toscana.

Normativa e documentazione
vai alla pagina dedicata sul sito di Fidi Toscana Giovani
vai alla pagina dedicata sul sito della Regione Toscana

Info:
Fidi Toscana
e-mail: l.innocenti@fiditoscana.it
Tel. +39 055 23841

 

Pubblicato il 12 aprile 2013