Accenti – diario di bordo: l’incontro con Mauro

Pubblicato da giovanisi il 11 aprile 2013

Continuano ad arrivare i racconti di Accenti…

Cosimo Calamini ha incontrato Mauro e queste sono le prime righe del suo racconto:

“Pare che la parola citto, così in uso nella zona di Arezzo e Siena, provenga dalla voce arcaica zitza, ovvero tetta: il citto era colui che succhiava la tetta, da lì poi è cresciuto, anche etimologicamente, fino a diventare un ragazzo. Oggi per dire che un giovane ha la testa sulle spalle e gli occhi dritti verso un futuro certo e incanalato sui binari della conformità, nell’aretino (o nel senese) si usa dire: “Quello è proprio un boncitto?.”

Questo è uno dei racconti di Accenti che saranno pubblicati nel nostro libro e nel prossimo blog dedicato al progetto.

Stay tuned…

Vai alla pagina dedicata al progetto Accenti – autonomi racconti di Giovanisì

Pubblicato il 11 aprile 2013