Eventi

Nencini incontra Kerry Kennedy, in vista progetti comuni sui diritti umani

Pubblicato da giovanisi il 24 febbraio 2012

L’assessore regionale Riccardo Nencini ha ricevuto questa mattina a Palazzo Cerretani Kerry Kennedy. Figlia di Bob Kennedy, nota attivista per diritti umani, Kerry Kennedy ha illustrato a Nencini i progetti della fondazione Robert F. Kennedy a Firenze e in Toscana.

“L’attenzione a queste tematiche ci accomuna” – ha esordito Nencini, che ha la delega anche su questa delicata materia – e sono convinto che potremo trovare possibilità di collaborazione e di integrazione”.

La Kennedy ha ricordato le finalità della fondazione, che si è ispirata al famoso discorso di suo padre in occasione della morte di Martin Luther King. Citando Eschilo e i classici greci Bob Kennedy disse: “Dedichiamoci a rendere gentile la vita in questo nostro mondo”. Quella frase è divenuta l’obiettivo della fondazione e il modo per ricordare il suo ispiratore (Kennedy morì nel 1968).

La Fondazione Robert F. Kennedy ha già attivato in Italia un progetto educativo sui diritti umani: circa 350.000 studenti delle scuole superiori di tutta la penisola hanno partecipato all’attività guidata dal manuale educativo “Speak Truth To Power: Coraggio Senza Confini” che, grazie ad una serie di suggerimenti pratici, incoraggia gli studenti a creare un reale cambiamento in classe, nella comunità, a livello nazionale e internazionale.

E’ invece in fase di attivazione il nuovo centro sui diritti umani della Fondazione che avrà sede proprio a Firenze, in via dell’Agnolo, negli spazi delle Murate. Il centro avrà il compito di diventare un laboratorio di discussione e formazione sui diritti umani. Il programma si attiverà dal mese di marzo: tra le prime iniziative in programma corsi sul rapporto tra diritti umani e turismo e tra diritti umani e social network.

“Per noi – ha concluso Kerry Kennedy – sarebbe naturale stabilire rapporti di collaborazione con la Regione: i nostri primi programmi educativi nelle scuole sono nati 8 anni fa proprio in Toscana, con il supporto della Regione”.

Nencini ha sottolineato le forti linee di convergenza tra le azioni prospettate dalla Kennedy e l’attività della regione sia a livello educativo che formativo in relazione al tema dei diritti umani. “Sino a pochi anni fa la Regione ha ospitato un ufficio delle Nazioni Unite che lavorava su progetti di formazione di amministratori africani. Questa sensibilità sulle tematiche al centro del vostro lavoro è dunque molto forte e, grazie alla vostra presenza a Firenze, potrà essere sviluppata”.

Comunicato stampa di Massimo Orlandi, Toscana Notizie

 

 

 

 

Pubblicato il 24 febbraio 2012