Un anno di lavoro della Giunta regionale

Pubblicato da l.calugi il 29 dicembre 2011

L’attività della giunta regionale nel 2011 attraverso i comunicati di Toscana Notizie

GENNAIO

L’anno del Progetto Giovanisì
Un progetto per l’autonomia dei giovani, per ridare loro un futuro sulla base del merito nello studio e nell’attività lavorativa. Un pacchetto di opportunità di livello europeo per tirocini, servizio civile, contributi affitto e Fare impresa, finanziato da risorse regionali, nazionali e comunitarie, integrabile anche da ulteriori fondi di enti locali e soggetti pubblici e privati. Oltre 334 milioni di euro tra il 2011 e il 2013. E’ questo in sintesi il progetto regionale “Giovanisì”, le cui misure sono state tutte attivate.

Multa milionaria a Trenitalia e altre iniziative
A causa dei disservizi verificatisi il 17 e 18 dicembre 2010, i giorni dell’emergenza neve, la Regione ha deciso di sanzionare le Trenitalia con una multa di circa un milione e 300 mila euro.
Per evitare il ripetersi di situazioni di paralisi del traffico dovuta alla neve, la Regione ha destinato un investimento straordinario di 1.250.000 euro alle aziende di trasporto pubblico per l’acquisto di gomme termiche. Ha inoltre chiesto alle Province l’attivazione di Piani neve per le strade regionali da loro gestite.

Inizia la riforma del trasporto pubblico locale
Dopo aver tamponato per il 2011 il devastante effetto che i tagli del Governo Belusconi avrebbero avuto sul servizio di trasporto pubblico locale con 200 milioni di risorse straordinarie tratte dal proprio bilancio, la Regione ha deciso di intervenire per riorganizzare e razionalizzare il servizio. Per questo ha bandito una gara di ambito regionale per l’assegnazione di un unico contratto di servizio valido per tutto il territorio toscano (dove attualmente operano 14 diverse aziende). La gara sarà bandita nel 2012 ed assegnerà il contratto per 9 anni (2013-2021). Le risorse base messa a disposizione dalla Toscana per la gara sono 160 milioni di corrispettivo e 30 milioni di investimenti in nuovi autobus all’anno per 9 anni.

Si draga il porto di Viareggio
Destinati 800.000 euro per dragare l’imboccatura del porto di Viareggio. Il contributo serve per liberare dai detriti l’ingresso del porto e garantire la sicurezza e l’operatività di uno dei principali approdi commerciali toscani.

Qualità dell’aria, al via le nuove regole antismog
La Toscana adegua le norme locali a quelle della direttiva europea del 2008. Il cambiamento più consistente riguarda la modalità di calcolo dei limiti del Pm10: in base alle indicazioni europee e statali, il superamento delle polveri sottili diventa significativo solo se avviene nelle stazioni di rilevamento installate nei cosiddetti “siti di fondo urbano” cioè quelli dove si può registrare la reale esposizione media della popolazione allo smog.

Tre firme per il riciclo e gli acquisti verdi
Vengono firmati i protocolli d’intesa per favorire e promuovere il riciclo e il mercato dei materiali e dei prodotti derivati dalla raccolta differenziata della plastica e del vetro. Per il riciclaggio di queste due materie la Regione Toscana dà incentivi economici, circa 2 milioni di euro, ai Comuni che così avranno la possibilità di utilizzarli per aumentare la quota di acquisti verdi

FEBBRAIO

Parco della Piana e aeroporto di Peretola, approvata variante
La variante, approvata dalla giunta il 14 febbraio e inoltrata al consiglio dove è ancora all’attenzione delle commissioni sesta e settima, individua un “areale di salvaguardia” per il progetto del parco agricolo della piana, e una seconda area di salvaguardia dove collocare le ipotesi di pista per la qualificazione dell’aeroporto. Gli oltre 7.000 ettari di parco non sono terreni da espropriare, ma un insieme di aree individuate attraverso l’azione di tutti gli otto comuni della piana, che comprendono sia parti già destinate a funzioni ambientali, come i Sir o a fruizione pubblica come il parco di Castello, sia aree agricole da mantenere e qualificare come tali. Un tassello importante verso la realizzazione del Parco agricolo è stato l’accordo di programma (firmato il 28 novembre) con il sindaco di Campi Bisenzio per tre interventi cofinanziati: la “Porta del Parco” in prossimità dell’oasi del Wwf degli Stagni di Focognano, un centro visite multimediale, la riqualificazione della Rocca Strozzi, che valorizzerà anche il sistema archeologico di Gonfienti, e la piantumazione di circa 1500 alberi. All’inizio di gennaio 2012 uscirà un bando regionale per finanziare progetti coerenti con le finalità del Parco agricolo della Piana. Sono già stati stanziati 6 milioni di euro a favore degli otto comuni della Piana e delle due Province di Firenze e Prato per contributi regionali che copriranno tra il 50 e il 60 per cento delle spese ammissibili per i progetti.

Aumentano i collegamenti dagli aeroporti di Pisa e di Firenze
Partono i nuovi voli Alitalia da Firenze verso Amsterdam e Catania mentre a luglio, grazie all’apertura della seconda base Air One in Italia, vengono inaugurati collegamenti da Pisa verso otto destinazioni, di cui cinque internazionali. Il pacchetto di nuovi voli è parte integrante di un accordo tra Regione e Alitalia.

Nuovo servizio sulla Porrettana
Rimodulato il servizio di trasporto pubblico sulla storica linea ferroviaria Porrettana. Data la bassissima frequentazione della linea 12 treni sono stati sostituiti con 12 coppie di autobus. Sono invece stati confermati altri 12 treni, quelli in transito nelle fasce orarie pendolari. La nuova organizzazione del servizio ha consentito un risparmio di oltre 500 mila euro.

Promozione turismo
Province e Regione trovano l’accordo per la gestione del sistema turistico regionale dopo lo scioglimento delle APT decretato dall’ultima legge finanziaria della Regione: sarà una “cabina di regia”, composta dagli assessori provinciali, a concorrere alla determinazione del modello di organizzazione sul territorio e alle attività di monitoraggio e verifica dei risultati conseguiti, oltre ad identificare le strategie di medio periodo per la promozione turistica.

Geotermia, arriva il sì alla Via per la centrale di Piancastagnaio
La Conferenza dei servizi esterna dà parere favorevole alla Valutazione di Impatto Ambientale per il riassetto dell’impianto di Piancastagnaio confermando la strategicità che l’operazione riveste per il territorio. L’ iter, durato due anni di lavoro poderoso, permette di dare il via a un riassetto che consentirà di migliorare il quadro ambientale generale a Piancastagnaio e riaprire nuove opportunità per la ripresa dell’economia locale.

MARZO

A favore della cultura
Sono quasi 14 milioni, e costituiscono il primo intervento di finanziamento del 2011 deciso a favore del mondo culturale toscano da parte della Giunta regionale. Non un euro in meno per la cultura rispetto al bilancio 2010, per esprimere la volontà di contrastare le politiche distruttive attuate dal governo Berlusconi. Con la cultura “si mangia”, creando benefici concreti alla nostra economia, oltre che far crescere la coscienza collettiva.

200 euro a ettaro dalla Regione per la cura dei boschi. Un piano da oltre 40 milioni.
200 euro per ettaro, per 7 anni, per un totale di 1400 euro ad ettaro. Vanno ai privati, proprietari dei boschi che in Toscana detengono 1 milione di ettari e che si impegnano ad effettuare opere di cura e manutenzione forestale fondamentali per la prevenzione di frane e alluvioni e la difesa dagli incendi. Il plafond complessivo di questa misura del Piano di Sviluppo Rurale della Regione, è di 21 milioni di euro. A questi si aggiungono altri 19 milioni di euro di cui sono beneficiari gli enti locali per opere di sistemazione, consolidamento e prevenzione del disseto idrogeologico nell’arco dei prossimi 3 anni.

Frana di Ognissanti, 540 mila euro per la messa in sicurezza della Sr445
Sono 540.000 euro i fondi stanziati dalla Regione Toscana e destinati ad interventi urgenti di messa in sicurezza per la Strada regionale 445: di questi 100 interessano il versante della provincia di Lucca, mentre 440 riguardano il tratto che interessa la provincia di Massa Carrara.

Impianti fotovoltaici, vietati in aree di pregio e Dop-Igp
La delibera assunta dalla giunta regionale specifica le linee guida nazionali e pur dicendo sì agli impianti fotovoltaici evita le distese di pannelli nelle aree di pregio in modo da tutelare il paesaggio.

Al via tre Its per aiutare il mercato del lavoro
Nasce a Livorno il nuovo “Istituto Tecnico Superiore” (ITS) nel sistema della meccanica, attraverso la specifica “Fondazione” cui partecipano scuole, aziende, università, enti locali, organizzazioni datoriali. In Toscana sono già operativi, oltre a quello doi livorno, anche altri due ITS: a Firenze e Siena.

“Stati Generali della Scuola”: a Prato termina il tour della Toscana
Il 29 marzo a Prato al “Gramsci-Keynes” tappa conclusiva del tour, voluto dalla Regione, sui progetti di innovazione nelle scuole toscane. Gli altri 9 incontri si sono svolti, in ciascuno dei capoluoghi di provincia, dallo scorso gennaio.

APRILE

Accoglienza dei migranti
Invece di una grande tendopoli, circondata dal filo spinato, tanti piccoli insediamenti in strutture disseminate sul territorio. È questo il «modello toscano» portato avanti con tenacia dal presidente della regione Enrico Rossi in alternativa alla proposte del ministro degli interni Roberto Maroni, che in un primo momento aveva indicato nell’ex stazione radar americana di Coltano (Pisa) l’area dove metter su la tendopoli per «svuotare» Lampedusa. I primi 304 migranti, tutti uomini, arrivano a Livorno nella notte di lunedì 4 aprile, a bordo della nave «Superba». Da lì vengono subito smistati in 14 strutture di accoglienza disseminate in 7 province della Toscana. Altri 200, a bordo della nave «Clodia» arrivano pochi giorni dopo. Nei mesi successivi sarà la volta di profughi e richiedenti asilo. In tutto circa 2000 persone ospitate in 120 strutture.

Mobilità in deroga anche per i precari
Un protocollo firmato da Regione-parti sociali permette l’estensione degli strumenti per sostenere l’occupazione e favorire il reinserimento di chi ha perduto il lavoro. La novità principale è l’introduzione della mobilità in deroga che la Toscana, prima e unica regione italiana, estende anche ad alcune categorie di lavoratori precari.

Alta velocità regionale, Regiostar anche a Grosseto, Livorno, Siena, Pistoia, Prato
Dal 26 aprile bastano 2 ore e 35 minuti per raggiungere in treno Firenze da Grosseto passando per Livorno. Il servizio di alta velocità regionale raggiunge la linea tirrenica. Dal 12 dicembre il collegamento veloce con Firenze è stato ulteriormente esteso anche a Siena (un’ora e 8 minuti), Pistoia (30 minuti) e Prato (15). Sempre dal 12 dicembre due Regiostar del mattino (uno proveniente da Firenze in direzione Pisa, l’altro proveniente da Siena in direzione Firenze) fermeranno anche alla stazione di Empoli. Grazie a questa nuova fermata Siena sarà collegata all’aeroporto Galilei di Pisa da 1 ora e 20 di treno.

People Mover per collegare Pisa e l’aeroporto Galilei
Firmato l’accordo che aprirà la strada alla realizzazione del progetto ‘People Mover’, il sistema di trasporto che nel 2015 collegherà la stazione di Pisa centrale e l’aereoporto Galilei sostituendo l’attuale collegamento ferroviario. Il progetto costerà in tutto circa 83 milioni di euro, di cui quasi 28 saranno stanziati dalla Regione Toscana. Firmatari dell’accordo sono la Regione Toscana, la Provincia di Pisa, il Comune di Pisa, RFI, FS Sistemi Urbani Spa e SAT Spa.

Perfezionato il Piano paesaggistico regionale
La Regione attiva un percorso di revisione e completamento del Piano Paesaggistico vigente per dare piena efficacia al Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio e completare il percorso istituzionale avviato con il Ministero nel 2007 per farne uno strumento adeguato al valore a all’unicità del paesaggio toscano. In aprile viene sottoscritto l’atto di integrazione e modifica del disciplinare del 24 luglio 2007, che attua gli accordi del Protocollo di intesa del gennaio di quell’anno tra il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e la Regione Toscana.

Rischio idrogeologico e sismico: un nuovo regolamento migliora la prevenzione
Varate norme più stringenti per migliorare la prevenzione del rischio idrogeologico, idraulico e sismico in Toscana. D’ora in poi i Comuni potranno procedere all’approvazione di qualsiasi strumento o atto di governo del territorio solo dopo aver ottenuto l’esito positivo del controllo da parte della Regione, tramite gli uffici del Genio Civile.

La regione più “cliccata”
La Toscana, secondo la rilevazione mensile di un motore di ricerca turistico di prestigio come trivago.it, è la regione più cliccata del web nel periodo pasquale, con oltre il 13 per cento delle ricerche della Penisola, mentre Firenze è seconda nella classifica delle città più prenotate.

MAGGIO

Rischio alluvioni, 27 milioni per la messa in sicurezza
Al via il programma di opere urgenti utili a mitigare il rischio idrogeologico e difendere i centri abitati dall’erosione costiera previste dall’Accordo di programma firmato a novembre 2010 con il Ministero dell’ambiente per la difesa del suolo. I 27 milioni serviranno a finanziare un primo pacchetto di interventi, 24 in tutto già corredati da progetto esecutivo e dunque appaltabili.

Incentivi alle aziende che assumono
Otto milioni nel 2011, cui se ne aggiungeranno altri 9 per il 2012: serviranno a favorire l’assunzione a tempo indeterminato, a tempo pieno o parziale, di donne over 30, di giovani laureati con contratti indeterminati o determinati di almeno un anno, di dottori di ricerca, di lavoratori provenienti da liste di mobilità, di soggetti svantaggiati, di disoccupati prossimi alla pensione, o ancora per la stabilizzazione di precari, proroga di contratti a tempo determinato, trasformazione di contratti di collaborazione. Fra gli interventi anche misure nuove, studiate per favorire l’occupazione giovanile e contrastare forme di sfruttamento e precariato, come la possibilità di incentivare assunzioni di dottori in ricerca o gli incentivi previsti per coloro che assumono un tirocinante.

Rivista la legge sul governo del territorio
La rivisitazione degli articoli della legge 1, dopo sei anni di applicazione, è volta a perfezionare la disciplina dei procedimenti per gli strumenti e gli atti di governo del territorio, semplificando le procedure, eliminando incertezze interpretative e codificando alcuni passaggi oggi non ben definiti. L’obiettivo primario della revisione è rendere concorrenziali gli interventi nelle aree urbanizzate rispetto all’ulteriore consumo di suolo agricolo. L’accento non va tanto posto sui volumi zero, quanto sul concentrare l’edificazione di nuovi volumi in aree già dotate di urbanizzazioni. Altro contenuto fondamentale della revisione è l’esigenza di commisurare gli adempimenti necessari all’effettiva entità delle trasformazioni previste.

Frutta nelle scuole a 67 mila allievi di 467 istituti. Distribuite 400 tonnellate
Nell’annualità 2010-2011 sono stati oltre 67 mila i bambini delle scuole primarie, che hanno ricevuto gratuitamente la frutta a merenda. Sono state in media 30 le distribuzioni di frutta e ortaggi, 461 i plessi scolastici interessati e circa 6000 gli insegnanti coinvolti. Gli obiettivi del programma “Frutta nelle scuole”: promuovere il consumo di frutta e verdura fra i bambini e con esso abitudini alimentari sane ed equilibrate; far conoscere i prodotti del territorio, le loro caratteristiche, la stagionalità, incentivare l’acquisto consapevole da parte delle famiglie e la filiera corta.

Sì alla nuova Autorità portuale regionale
Sì dalle categorie economiche e dalle forze sociali alla proposta di legge che istituisce la nuova Autorità portuale regionale che comprende i porti di Viareggio, Porto Santo Stefano, Marina di Campo e Isola del Giglio, i quattro porti commerciale di interesse regionale. L’Autorità dovrà rilanciare l’attività di questi quattro scali rendendo più veloci ed efficaci tutti gli interventi relativi alle aree portuali.

Privatizzazione Toremar, Moby si aggiudica la gara
Il 5 maggio si conclude la gara per la privatizzazione di Toremar. Moby spa si aggiudica la gara a doppio oggetto per la vendita del 100% delle quote Toremar e l’appalto per 12 anni del servizio pubblico di collegamento tra la costa e le isole dell’Arcipelago. La Toscana è stata la prima (e per ora l’unica) Regione in Italia a privatizzare una società ex Tirrenia, nel rispetto delle disposizioni della Corte europea. L’offerta di Moby prevede il pagamento di 10 milioni e 258 mila euro, l’istituzione di un nuovo collegamento tra Porto Santo Stefano e l’isola di Giannutri e un corrispettivo da parte della Regione per il servizio di trasporto pubblico svolto di 160 milioni di euro in 12 anni oltre alla tutela dei posti di lavoro dei dipendenti Toremar, tariffe agevolate per i residenti e pendolari abbonati e l’abbassamento dell’età della flotta.

Immigrazione e casa
Con ‘Abitare il mondo’ tre milioni e mezzo di euro per dare sostegno a oltre mille famiglie straniere in condizioni di marginalità e alla ricerca di una soluzione abitativa.

Trend positivo per il turismo
Il trend positivo del 2010 del turismo toscano continua nel 2011. I dati relativi all’indagine campionaria promossa dal Centro Studi Turistici mostrano sia un giugno in crescita (+1,3%) che una previsione positiva per luglio/agosto (+1,1%). La crescita delle presenze nel periodo estivo è, anche per quest’anno, trainata dal turista estero (+1,6%) ma segnali di ripresa si stanno registrando anche per il cliente italiano (+0,5%). In base alle prenotazioni già acquisite, il trend dei mercati stranieri per luglio-agosto risulta in diminuzione per Germania, Austria, Inghilterra e Giappone, in crescita per Spagna, Paesi Scandinavi, Belgio, Francia, Russia, Paesi dell’Est, Canada, Brasile e India. Si registra una sostanziale stabilità per Svizzera, Stati Uniti e Cina.

Montespertoli, la Regione ha portato a conclusione l’iter affidatole dalla Procura
La Regione porta a conclusione il complesso iter affidatole dalla Procura di Firenze nell’aprile 2010 per verificare i profili di illegittimità di 32 permessi di costruire rilasciati dalla precedente amministrazione comunale di Montespertoli. Dopo la conferma dei presunti motivi di illegittimità di tutti e 32 i permessi, la Giunta regionale ha approvato altrettante delibere in cui vengono dettagliate le determinazioni conclusive delle singole istruttorie. L’esito è di 14 permessi per i quali si è disposto il parziale annullamento per la sussistenza dell’interesse pubblico derivante dal particolare valore paesaggistico del contesto, e di 18 per i quali si è disposta l’archiviazione, confermando cioè il “titolo abilitativo”. Al Comune spetta il compito di fare l’ingiunzione di demolizione delle opere di sistemazione delle pertinenze eventualmente già realizzate.

GIUGNO

Impugnati e sotto osservazione swap e derivati
La giunta regionale ha deciso di avviare la procedura per l’annullamento in autotutela di alcuni contratti di derivati finanziari, i Galileo Bond, firmati nove anni fa. I contratti erano stati stipulati con le banche Merril Lynch, Ubs (oggi Societe Generale) e Deutsche Bank. La giunta ha inoltre deciso di costituirsi nel giudizio presso l’Alta corte di giustizia di Londra, a cui i tre istituti bancari si erano già rivolti a gennaio, per recuperare somme eventualmente indebitamente erogate. Sotto osservazione sono anche altri contratti. Il debito della Regione , ovvero mutui e prestiti che ha acceso, ammonta a poco più di 1,1 miliardi di euro. Per un terzo è contratto a tasso fisso, per un terzo a tasso variabile e per un terzo (430 milioni) a tasso variabile coperto appunto da derivati e quindi “assicurato”. I Galileo Bond pesano per 267 milioni.

50 milioni per risolvere il problema dell’insabbiamento del porto di Livorno
Uno Scolmatore d’Arno più funzionale permetterà di risolvere i problemi di insabbiamento del porto di Livorno: per questo circa 51,5 milioni di euro vengono destinati alla realizzazione di una foce armata, all’escavo di una barra di sabbia alla foce dello Scolmatore e ad un progetto di sicurezza idraulica che avrà effetti benefici sull’intero territorio.

Casa, un piano regionale
Stanziati 90 milioni per il piano di interesse regionale. Firmati protocolli di intesa a Pisa, Firenze, Lucca e Prato, per realizzare oltre 2100 nuovi alloggi (nuova costruzione o in aree inutilizzate). 22 milioni circa per il piano nazionale di edilizia abitativa (che si aggiungono ad altri 22 dal governo) per realizzare 450 alloggi popolari. 4 milioni di euro nel fondo sfratti, per gli inquilini morosi incolpevoli. Altri due milioni per migliorare l’accessibilità degli alloggi Erp. E infine una proposta-provocazione: tassare con 10 euro al mese gli oltre 400 mila alloggi sfitti esistenti in Toscana.

Firmata la nuova intesa Governo-Regione sulle infrastrutture
Il finanziamento del Lotto zero Marroccone-Chioma a Livorno e la sua realizzazione contestuale a quella del Corridoio Tirrenico, il finanziamento della tangenziale Lucca-Media Valle e la non applicazione del pedaggio sulla Firenze-Siena prima della completa realizzazione dei lavori di sistemazione. Queste le tre richieste prioritarie per la Toscana che sono state accolte dal Governo ed inserite nell’Intesa generale quadro Stato-Regione per le infrastrutture firmata a Palazzo Chigi. L’intesa fissa le priorità infrastrutturali della Toscana e gli impegni presi dalla Regione e dallo stato per realizzarle.

Sette nuovi treni e un accordo per 7 carrozze in più
Accordo con Trenitalia per la fornitura, entro l’inizio del 2012, di sette nuovi treni (di cui 3 diesel e 4 elettrici) e l’assegnazione alla Toscana, a parziale risarcimento del ritardo di consegna dei nuovi mezzi fin previsti dal contratto di servizio, di sette ulteriori carrozze. Il primo dei quattro treni diesel promessi è stato consegnato il 19 luglio, il secondo il 12 dicembre, gli altri arriveranno entro gennaio 2012.

Viabilità, 50 milioni per 23 interventi
Quasi 50 milioni di euro per 23 interventi di estrema urgenza sulle strade regionali. Li ha stanziati la Regione riutilizzando le economie del programma 2002-2007. La redistribuzione di fondi altrimenti bloccati ha permesso la realizzazione di interventi di messa in sicurezza, varianti e riqualificazioni della viabilità regionale individuati come prioritari dagli enti locali. Il cofinanziamento di Province e Comuni ha permesso di attivare opere per 69 milioni.

Qualità dell’aria
27 milioni per interventi sulla qualità dell’aria e ridurre le emissioni di inquinanti in atmosfera soprattutto nei centri urbani. Le risorse sono il frutto dell’accordo firmato a Roma da Ministero dell’Ambiente, Regione e Comune di Firenze. Tra gli interventi proposti, 17 in tutto, c’è l’elettrificazione del porto di Livorno.

Tasse scontate per la cultura
Se finanzi un festival teatrale o il restauro di un quadro, un palazzo o un’opera d’arte, se aiuti uno dei tanti enti od associazioni che in Toscana fanno cultura, la Regione ti dà una mano con un sconto sulle tasse: per i cittadini sull’addizionale Irpef e nel caso di aziende anche sull’imposta per le attività produttive (Irap). Accadrà dal 2013 in poi, l’anno della svolta federalista per le Regioni, sulla base di una nuova legge proposta dalla giunta.

LUGLIO

Semplificazione delle procedure per l’edilizia e la rigenerazione urbana
La Toscana traduce in legge il decreto sviluppo relativamente all’edilizia (decreto legge 70, art.5) puntando alla semplificazione delle procedure e alla rigenerazione urbana. Lo fa entro la scadenza prevista, con un voto unanime del Consiglio regionale, evitando così l’applicazione della normativa nazionale che avrebbe comportato una deregulation rispetto al sistema di pianificazione regionale esistente. La nuova legge regionale (che modifica la legge 1 del 2005, quella sull’eliminazione delle barriere architettoniche e la legge 24 del 2009, il cosiddetto piano casa), rappresenta un importante avvio del lavoro di semplificazione e chiarificazione nel settore delle procedure edilizie, dando una spinta ai processi di rigenerazione urbana, come alternativa all’ulteriore consumo di territorio agricolo.

Offerta integrata formazione istruzione
E’ partita l’offerta regionale integrata di istruzione e formazione professionale, grazie a un finanziamento di oltre 10 milioni. La giunta ha approvato gli indirizzi per organizzare i percorsi triennali, destinando un finanziamento di oltre 10 milioni di euro e garantendo un’offerta univoca, finalizzata, al termine dei tre anni, al rilascio delle qualifiche professionali definite secondo standard regionali e conseguite, in alternativa, o negli istituti professionali o secondo i canali tradizionali della formazione professionale.

Una carta etica per lo sport
Quindici articoli chiari e concisi della nuova “carta” affermano il diritto di tutti a fare sport per stare bene, definiscono la pratica dello sport “componente essenziale nel processo educativo” e la lealtà, ovvero il fair play, fattore fondamentale in ogni disciplina sportiva sia a livello dilettantistico che professionistico. In arrivo anche l’albo delle società che la mettono in pratica.

Elisoccorso, raddoppiato quello per le isole
Dal primo luglio gli elicotteri di stanza nella base di Grosseto per il servizio di elisoccorso sul mare e le isole sono diventati due. Con questa soluzione, la continuità del servizio è garantita. Sempre nel corso dell’estate è stato siglato un accordo di collaborazione tra Regione e Guardia costiera per l’emergenza-urgenza. In caso di non funzionamento dell’elicottero, o in presenza di condizioni meteo che ne impediscano il volo, il medico del soccorso si imbarca su una motovedetta della Guardia costiera, e le motovedette garantiscono anche il trasporto rapido del paziente dalle isole al continente.

Interporto di Guasticce, 900 mila euro per nuove celle frigo
Un nuovo magazzino con celle frigorifere sarà realizzato nell’area doganale dell’Interporto di Guasticce (Comune di Collesalvetti). All’intervento sono stati destinati oltre 886.000 euro di finanziamento regionale. Grazie alle risorse pubbliche a 16. 650 euro messi dalla Società Interporto Vespucci spa, sarà possibile costruire una struttura dal valore complessivo di oltre 900.000 euro.

20 milioni per internet veloce in aree periferiche
La banda larga in Toscana fa un passo avanti: altri 100 mila toscani stanno per potersi connettere a internet veloce superando, grazie a un accordo fra Ministero e Regione coperto con 20 milioni di euro, un digital divide inaccettabile. La convenzione fra Giunta Regionale e Ministero dello Sviluppo Economico consentirà immediati lavori di scavo con messa in posa di una fibra ottica all’inizio “spenta” ma che subito dopo, sarà “accesa”, dagli operatori, per portare nelle case di molti toscani, oggi sconnessi, il servizio Ads.

Borse di studio per dottorati internazionali di ricerca
Promuovere l’attivazione di corsi universitari di Dottorato di Ricerca di qualità e di livello internazionale. Serve a questo una delibera varata dalla Giunta regionale con le linee guida per attivare in via sperimentale una azione chiamata “Borse di studio Pegaso”. Attivate più di 50 borse triennali.

AGOSTO

Ticket modulati per fasce di reddito
Per dare applicazione alla manovra imposta dal governo, la Toscana, assieme ad altre Regioni (Emilia Romagna e Umbria) ha scelto di rimodulare i ticket sanitari in base al reddito dei cittadini. La scelta era tra applicare i ticket così come erano stati decisi dal governo, gli stessi 10 euro per tutto e per tutti, indistintamente, oppure trovare una rimodulazione più equa. E’ rimasta ferma la scelta di non toccare in alcun modo gli esenti (basso reddito, disoccupati, pensioni sociali, ecc.), che continuano a non pagare alcun ticket.

Aeroporto dell’Elba, ricapitalizzazione
Aumento del capitale sociale e nomina di un nuovo amministratore per l’aeroporto di Marina di Campo. A deliberarlo è stata l’assemblea dei soci di Alatoscana con l’obiettivo di favorire il rilancio di un aeroporto di piccoli dimensioni (13.000 passeggeri l’anno), ma strategico per la mobilità e il turismo da e per l’Arcipelago. L’aumento di capitale per 494.000 euro sarà coperto per 350.000 euro dalla Regione Toscana, proporzionalmente al peso delle sue quote (70,79%).

Alta velocità, via libera al sottoattraversamento di Firenze
Via libera alla stazione Foster e al nodo ferroviario dell’alta velocità a Firenze, con sottoattraversamento della città. I lavori dovrebbero concludersi entro il 2015. Previsti interventi per quasi novanta milioni sulla mobilità cittadina.

Terza corsia sull’A1
Aperta al traffico dell’intera terza corsia tra Firenze Nord e Firenze Sud. Si tratta di 22 chilometri di autostrada a tre corsie che significheranno meno code, meno stress, meno inquinamento.

Risorse per salvare le sale cinematografiche
Un milione di euro per aiutare le piccole sale cinematografiche sulla strada del digitale, mentre altri 2 milioni e mezzo sono stati già assegnati. Un modo per sostenere i piccoli che serve anche a permettere la diffusione di film che non troverebbero spazio nei multiplex. Il bando emesso per questo dalla Regione Toscana ha già permesso di finanziare 70 piccoli schermi assegnando contributi per oltre 2 .500.000 euro e l’impegno della Regione continua. Il bando sarà aperto anche per la seconda metà 2011 con una dotazione finanziaria, appunto, di circa 1 milione di euro.

Scuola toscana: 10 milioni dalla Regione per sostenere i POF
Un impegno finanziario che sfiora i 10 milioni di euro con 39 azioni educative che la Regione Toscana indica alle scuole di ogni ordine e grado per l’anno scolastico che sta per iniziare. E’ tutto scritto in una delibera approvata dalla Giunta Regionale per sostenere le scuole nei loro Piani di Offerta Formativa (POF). Le norme nazionali prevedono che le Regioni possano sostenere i piani di studio delle scuole fino al 20% del monte orario annuale obbligatorio in modo che le singole scuole possano essere aiutate con offerte formative regionali di qualità. La Regione Toscana ha dunque approvato i suoi “indirizzi”: per l’anno scolastico 2011/12 si tratta di 18 progetti articolati in 39 azioni.

Scuole dell’infanzia: 5,5 milioni di euro per garantire sezioni altrimenti chiuse
Regione Toscana, Ufficio Scolastico Regionale, Anci e Uncem toscane siglano una intesa che assicura risorse regionali per 5 milioni e mezzo a copertura pressoché totale del fabbisogno effettivo di quelle famiglie toscane con figli in attesa per le scuole dell’infanzia. Dunque anche per questo nuovo anno, come nei due precedenti, è la Regione a svolgere un ruolo di supplenza con fondi propri in modo da soddisfare i fabbisogni non coperti dagli organici assegnati dal Ministero.

SETTEMBRE

Famiglia più numerosa, servizi più leggeri
Famiglia, attuazione del progetto regionale “Famiglia numerosa, servizi più leggeri” attraverso la promozione di iniziative a favore delle famiglie residenti in Toscana con 4 o più figli che usufruiscono di servizi e prestazioni erogate dai Comuni. Oltre 2,1 milioni di euro per il 2011. Gli interventi riguardano il trasporto scolastico, la mensa scolastica, i nido d’infanzia, gli altri servizi integrativi ai nidi d’infanzia, i corsi comunali sportivi, di svago e/o tempo libero, i buoni acquisto testi scolastici e/o universitari, i sostegni economici per nuclei in difficoltà e gli altri interventi o servizi rivolti a nuclei familiari con figli.

Il portale del contribuente on line
C’è chi evade, sapendo di evadere, ma anche chi semplicemente si dimentica o sbaglia. Avviene spesso con il bollo auto e dall’inizio dell’anno la Regione ha lanciato un nuovo servizio on line: basta registrarsi all’indirizzo www.regione.toscana.it/avvisoscadenzabollo/ e gli automobilisti toscani ricevono per e-mail o con un sms un avviso del bollo che sta per scadere.

Agricoltura, finanziati 15 progetti integrati di filiera
Sono 15 i Pif, i progetti integrati di filiera finanziati con 25 milioni di euro dalla Regione Toscana. Il volume di investimenti complessivo sarà di oltre 57 milioni di euro. Complessivamente si stima che siano oltre 7000 mila gli addetti interessati, dei quali 1536 fra i soli partecipanti diretti ai progetti (946 dipendenti e 590 autonomi) e 5600 indiretti. Come soggetti imprenditoriali i partecipanti agli accordi sono stati 1250.

Faentina e Val di Sieve, progetto ‘anti-ritardo’
Da lunedì 12 settembre sulle linee ferroviarie Borgo San Lorenzo-Faenza e Firenze-Pontassieve-Borgo San Lorenzo è divenuto operativo il progetto ‘anti-ritardi’ voluto dalla Regione e dagli enti locali per rimediare ai frequenti problemi di puntualità. Si tratta di una serie di accorgimenti tecnici e di leggeri slittamenti di orario concordati con Trenitalia per fluidificare il traffico e migliorare gli scambi lungo queste linee ad un solo binario.

2 milioni per la manutenzione dei porti
Quasi due milioni di euro per la manutenzione dei porti regionali. Queste risorse permetteranno importanti interventi di manutenzione e riqualificazione nel Canale Burlamacco – che attraversa Viareggio e Massarosa-, nel Canale Navicelli a Pisa e nei porti di Viareggio, Marina di Campo, Isola del Giglio e Porto Santo Stefano.

Siena-Grosseto, al via appalto da 271 milioni
Si è conclusa la gara d’appalto per la realizzazione di quattro lotti (per complessivi 12 km) della Siena-Grosseto. Questi lotti contengono due tra i punti più delicati dell’opera: il raddoppio del viadotto sul Merse e della galleria Casal di Pari. L’opera, del valore di 271 milioni di euro, costituisce il più grande appalto di Anas in Toscana.

Toscana leader per donazioni e trapianti
Dall’ultimo Rapporto mondiale sui trapianti la Toscana risulta essere regione leader al mondo per donazioni e trapianti, quella in cui il rapporto tra donatori di organi e abitanti risulta essere il più elevato rispetto a quello nazionale. Il dato toscano parla di 40 donatori per ogni milione di abitanti, mentre il dato italiano si ferma a 21,6.

OTTOBRE

Alluvione in Lunigiana
Il 25 ottobre oltre 400 milllimetri di pioggia hanno colpito nell’arco di poche ore la Lunigiana, in provincia di Massa Carrara; un evento eccezionale, che statisticamente si stima si verifichi ogni 50 anni e più. Ed è stato un disastro, che ha colpito in modo particolare Aulla, dove l’onda di piena del fiume Magra, alta cinque metri, ha in pochi minuti letteralmente travolto la cittadina. Due le vittime, centinaia gli sfollati, annientate molte attività commerciali e artigianali. Immediata la reazione della Toscana; centinaia tra volontari, vigili del fuoco, appartenenti a tutti i corpi delle forze dell’ordine, sanitari sono confluiti in Lunigiana per portare aiuto ad una popolazione che comunque non si è mai arresa e ha subito reagito alla tragedia. I danni sono stati calcolati decine di milioni. Lo Stato ha stanziato 25 milioni subito, altri 60/65 milioni li impegna la Regione, grazie alla decisione solidale di destinare nel 2012 alla ricostruzione 5 centesimi per ogni litro di benzina acquistato. Il presidente Rossi, nominato commissario, coordina personalmente la ricostruzione.

Un bilancio senza tagli lineari
Sul documento contabile pesano oltre 600 milioni di tagli del governo, 150 milioni in più rispetto all’anno scorso. Nel 2012 potranno essere spesi solo poco più di 9 miliardi, di cui la fetta più grossa, 7 miliardi compresi gli investimenti (il 77 per cento), serviranno alla sanità. Ma è un bilancio che, pur con i tagli pesanti operati dal governo, prova a finanziare misure a sostegno dei consumi e della crescita economica e interventi a favore del welfare. Un bilancio senza tagli lineari. Nella proposta licenziata dalla giunta (ed approvata poi dal Consiglio regionale) ci sono così 244 i milioni, lavoro e investimenti compresi, che nel 2012 saranno destinate allo sviluppo economico. C’è anche un ulteriore salvadanaio tra 20 e 30 milioni di euro, da utilizzare all’evenienza. Non diminuisce il fondo per l’assistenza ai non autosufficienti. Il governo Berlusconi aveva azzerato i propri trasferimenti, la Regione ci ha messo 42 milioni di tasca propria. Altri 19 milioni sono stati aggiunti per le politiche sociali e 5,5 milioni per non chiudere 95 classi materne per gli insegnanti di sostegno, competenze che non sarebbero neppure della Regione. Per garantire il finanziamento di politiche non più assistite da finanziamenti dello Stato la Regione spenderà nel 2012 sedici milioni

Progetti strategici delle grandi aziende
La Regione finanzia, tramite il bando per Ricerca e sviluppo destinato ad aziende medio grandi, 14 progetti innovativi per complessivi 61 milioni di euro che ne attiveranno 120 di investimenti in ricerca e sviluppo. Finanzieranno 18 grandi imprese, 4 medie, 13 piccole e 15 organismi di ricerca. Le aziende coinvolte sono: General Electric, Trw, Amtec, Ecm, Ericsson,Wass, Polynt, De Tomaso, Thales, Emac, Esaote, Cassioli, Richard Ginori, El. En.

Mappate le aree non idonee al fotovoltaico
E’ completo il quadro delle aree non idonee all’installazione di impianti fotovoltaici a terra e di quelle idonee alle varie potenze di impianto in tutte le dieci province. Un risultato importante perché dota la Regione Toscana di una mappatura completa del territorio, punto di partenza fondamentale per poter offrire certezze a tutti quanti vogliano investire nel settore della green economy e delle energie rinnovabili, garantendo al tempo stesso la salvaguardia del paesaggio.

Raccolta differenziata, in Toscana sale al 40,06%
Continua a crescere la raccolta differenziata in Toscana che nell’anno 2010 registra un incremento rispetto all’anno precedente di un punto e mezzo (38,56) confermando l’andamento positivo iniziato nel 2008.

Agricoltura: anticipi alle aziende per 71 milioni
Oltre 90 milioni di euro: questa la somma complessiva erogata entro novembre 2011 dalla Regione Toscana a valere sul Fondo europeo agricolo di garanzia (FEAGA). In questo mese infatti, alla data del 15 ottobre, si conclude l’anno finanziario per l’Unione Europea e inizia la nuova annata, così l’Artea, cioè l’agenzia della Toscana per le erogazioni di fondi agricoli, paga il consuntivo dell’annata trascorsa e anticipa la prima tranche dell’annata a venire.Anche quest’anno la Toscana, nel periodo che si concluderà a fine novembre riesce a liquidare anticipi per oltre 71 milioni di euro a ben 31 mila 200 aziende.

Ato acqua e rifiuti, dal primo gennaio cambia lo scenario
Ecco la riforma Ato che partirà dal 1 gennaio 2012: un unico Ambito territoriale ottimale per il servizio idrico e tre Ambiti per la gestione dei rifiuti. E’ il nuovo panorama che viene ridisegnato dal documento preliminare approvato in giunta il 3 ottobre.

Centri commerciali naturali
Sono i centri commerciali naturali l’espressione più tangibile della politica che la Regione porta avanti per la tutela delle piccole realtà commerciali. Hanno permesso nell’ultimo decennio di riqualificare i centri urbani e i territori rurali di quasi tutti i Comuni della Toscana, garantendo non solo l’associazione delle microimprese, ma anche una rivalorizzazione del contesto sociale. Per questo la Regione sta attivando azioni specifiche per a tutela di queste forme aggregate di commercio.

Salute in carcere
La Toscana rilancia una politica ad ampio spettro per la salute dei cittadini detenuti. Nel corso del 2011 la Regione ha varato una serie di iniziative per garantire ai detenuti gli stessi diritti di salute dei cittadini liberi. Interventi per prevenire il suicidio, assistenza psicologica, telemedicina e telediagnostica, sanificazione dei letti, messa a norma degli impianti nei locali sanitari, iniziative specifiche per la salute dei minori in istituto, l’adozione della carta dei servizi sanitari anche dentro il carcere. Per l’attuazione di questi interventi, la Regione ha destinato per il biennio 2011-2012 la cifra di 800.000 euro.

NOVEMBRE

Alluvione all’Elba
Un morto e cinque feriti (di cui uno grave); questo il bilancio del devstante nubifragio che si è abbattutto sull’Isola d’Elba il 7 novembre, e che ha allagato Marina Campo nelle prime ore del mattino in seguito all’esondazione del fosso degli Alzi. Uno dei centri turistici più apprezzati ha subito danni gravissimi. I rilievi hanno stimato che tra le urgenze e le attività di ripristino e di messa in sicurezza serviranno non meno di 15 milioni. La Regione ha stanziato 5 milioni di euro per l’isola d’Elba, oltre ai 500mila euro subito messi a disposizione per finanziare gli interventi urgenti. Si tratta poi di rimediare ai dissesti idrogeologici, ripristinare la funzionalità idraulica dei corsi d’acqua, sistemare ponti e ripulire gli argini. Obiettivo di tutti è far sì che l’isola sia il più possibile pronta alla stagione turistica 2012 lasciandosi alle spalle questa brutta parentesi.

Difendiamo il territorio dal rischio idraulico
I recenti tragici eventi che hanno colpito duramente il territorio toscano hanno acuito l’urgenza di nuove disposizioni in materia di governo del territorio e di difesa del suolo per una maggiore sicurezza dal rischio idraulico. In particolare, viste le caratteristiche degli eventi meteorologici che colpiscono con sempre maggiore frequenza il territorio regionale amplificandone le condizioni di fragilità, la Regione ritiene indispensabile adeguare le disposizioni in materia di governo del territorio e di difesa del suolo e si impegna a vietare le nuove costruzioni nelle zone a rischio di esondazione e i “tombamenti” dei corsi d’aqua. Questa decisione è contenuta negli articoli 137 e 138 della legge finanziaria per il 2012.

Finanziaria regionale, rigore e sviluppo
Recupero spese, privatizzazioni, project financing, spinta dell’edilizia ed equità sociale sono le parole chiave della manovra finanziaria regionale. Per quanto riguarda il settore delle opere pubbliche e dell’edilizia, la manovra mira a movimentare il capitale privato attraverso il project financing. Servirà prima di tutto a sbloccare i cantieri degli enti locali, per opere strategiche, cantierate e non ancora terminate dalle autostrade alla Tirrenica, dalla Due Mari alla Siena-Firenze, dalla Fi-Pi-Li alla bretella da Lastra a Signa a Prato. Per questo la Regione ha stanziato 2,6 miliardi di euro. Tra gli altri punti, il finanziamento con 3 milioni di euro del settore delle fonti rinnovabili ad uso domestico. Altri 3 milioni saranno utilizzati per l’abbattimento delle barriere architettoniche. Previsti anche interventi a sostegno delle società dell’acqua attraverso Fidi Toscana. Parallelamente, la Regione punterà al taglio delle spese di funzionamento per un risparmio di circa 50 milioni di euro. Previsti anche blocco del turn over del personale regionale e degli enti derivati (personale sanitario e delle Asl a parte) dal 2012 al 2014.

La Toscana passa al digitale terrestre
E’ stata un’operazione complessa e non priva di difficoltà, in particolare per quanto ha riguardato
la copertura del segnale, l’assegnazione delle frequenze e la stessa tenuta del pluralismo informativo, nonché dei livelli occupazionali nel mondo dell’emittenza. Ma nonostante il mancato rinvio richiesto e non accordato dal ministero l’impegno della Regione è stato determinante per affrontare la transizione contenendo al massimo i disagi.

Easy Green (ex Isi – ex Electrolux)
Si è chiusa positivamente grazie al lavoro di mediazione e sostegno della Regione insieme a Fidi, la lunghissima vertenza sfociata nella creazione di una nuova società che riassorbirà i lavoratori e avvierà la produzione, nello stabilimento di Scandicci, di pannelli fotovoltaici.

Sanità, piano investimenti 2011-2013
Per il triennio, 650 milioni di fondi regionali, che vanno ad aggiungersi a quasi altrettanti statali e aziendali. Per i prossimi tre anni, quindi, si prevede un impegno complessivo del sistema sanitario pari oltre a 1.200 milioni, così suddivisi: 826 milioni per edilizia ospedaliera, 264 milioni per attrezzature sanitarie e informatiche, 110 milioni per sviluppo dei presidi territoriali.

Mondiali di ciclismo: 20 milioni, in attesa dei fondi del governo
Il mondiale di ciclismo atteso per il 2013 in Toscana si farà, anche se potrebbe essere il primo sostenuto solo dagli enti locali e non dal Governo. Le amministrazioni vanno avanti: consapevoli che si tratta del più grande evento sportivo che l’Italia ospiterà da qui al 2020. In attesa che il nuovo governo metta a disposizione le risorse che si era impegnato a stanziare il precedente governo, la Regione ha messo a disposizione un salvadanaio da 20 milioni. Questi soldi serviranno a realizzare le opere pubbliche e infrastrutturali strettamente necessarie. Almeno 3-400 mila sono le persone attese lungo i 90 chilometri da Lucca a Firenze e poi ai lati del circuito.

Bravi a utilizzare le risorse Fesr
I progetti finanziati nel complesso sono 3044 e le risorse impegnate dal 2007 ad oggi sono complessivamente 611 milioni di euro, corrispondenti al 54% delle risorse del POR che ammontano a circa 1.126 milioni di euro. Sono numeri che la dicono lunga sulla capacità di spesa, capacità che ci ha fruttato anche un riconoscimento ufficiale da parte della Commissione Europea, che ha partecipato all’evento ai massimi livelli, con il direttore generale Dirk Ahner, che ha anche proposto di anticipare e sperimentare la nuova futura programmazione.

Via alla “spending review”
Risparmiare senza tagliare i servizi primari, sociale e scuola avanti tutto. Ma anche senza dimenticarsi di economia e crescita. Impresa non facile in tempi di tagli e risorse scarse. La Regione ha così deciso di passare in rassegna ogni singola misura e spesa storica, per pesarne efficacia e risultati senza dare niente per scontato. Per farlo si è affidata ad un gruppo esterno di giovani universitari del Sant’Anna di Pisa, già a lavoro. Sono già stati recuperati 32 milioni: l’obiettivo è arrivare a 50 milioni, che si aggiungono al 10 per cento di risparmi sulla spesa della macchina, dei costi della politica e della burocrazia che già erano stati ottenuti quest’anno.

Nuovo project per la bretella Prato-Lastra a Signa
La Regione Toscana ha deciso di risolvere il contratto con Sit (Società Infrastrutture Toscana spa) per la realizzazione della bretella autostradale Lastra a Signa-Prato perchè è divenuto troppo oneroso e di rilanciare con un nuovo project financing. Una volta acquisito il progetto definitivo, adesso in possesso di Sit, la Regione si prenderà 2 mesi per verificare le condizioni di sostenibilità, e 5 mesi per rifare il bando della nuova gara d’appalto.

Tirrenica, chiarezza su pedaggio, viabilità e variante di Orbetello
Si conclude l’istruttoria regionale sulla Tirrenica. La Regione Toscana conferma la volontà di veder realizzata la nuova autostrada, ma pretende chiarezza e – prima di giungere all’approvazione del progetto – chiede a Sat certezze su pedaggio, viabilità complementare e variante nel comune di Orbetello.

Fondo speciale per promozione turistica in aree alluvionate
Un fondo speciale per la promozione turistica della Lunigiana e dell’Isola d’Elba è stato approvato dalla Cabina di regia per la programmazione turistica del 2012. Visti i tragici avvenimenti che hanno colpito la Lunigiana e l’Isola d’Elba, la Regione ha voluto istituire un fondo di riserva da 100mila euro, assegnato alla gestione di Toscana Promozione, per aiutare questi territori martoriati dal maltempo a riproporsi sul mercato turistico una volta finita la fase dell’emergenza. In un momento difficile come questo, pensare al futuro è fondamentale e il compito della Regione è dare alle popolazioni colpite gli strumenti per ricominciare.

Piano Sviluppo Rurale: finanziate 18.000 aziende
Sono 18 mila le aziende agricole toscane che hanno già ricevuto i finanziamenti del Psr, il piano di sviluppo rurale della Toscana 2007-2013, che prevede investimenti per un totale di 1400 milioni di euro a fronte di contributi pubblici per 876 milioni. Di questi 391 milioni provengono dall’Unione Europea, 396 milioni dallo Stato e 89 milioni sono la quota della Regione Toscana. Fra le imprese finanziate, il 75% ( pari a 13.700 imprese) è rappresentato da ditte individuali. Di queste oltre 4.450 (pari a circa il 25% dei beneficiari totali) sono le imprese condotte da giovani (ossia imprenditori di età inferiore ai 40 anni) e 1.600 sono imprese condotte da donne.

Codice rosa
“Codice rosa”, ovvero un percorso speciale per le vittime di violenza che arrivano al pronto soccorso: donne, ma anche bambini, anziani, omosessuali, immigrati. Sperimentato per oltre un anno a Grosseto, dal gennaio 2012 verrà esteso ad altre 4 Asl toscane – Lucca, Viareggio, Prato, Arezzo – per un anno, per essere poi messo in atto in tutti i pronto soccorso della regione.

Nuova vita per l’ex carcere di San Gimignano
Dopo mille anni l’ex convento ed ex carcere di San Domenico a San Gimignano si apre al pubblico, e si candida a trasformarsi, dopo i dieci anni di interventi che lo attendono tra progettazione e lavori, un centro attrattivo di fascino e livello culturale altissimo. Questo il senso del primo esempio a livello nazionale di federalismo demaniale il cui atto ufficiale, che ha sancito il passaggio di proprietà, è stato siglato tra Agenzia del Demanio, con l’intesa del MIBAC, e il Comune, la Provincia di Siena e la Regione Toscana.

DICEMBRE

Piano sanitario e sociale integrato regionale 2012-2015
Approvato poco prima di Natale dalla giunta, disegna gli obiettivi e le strategie che guideranno le politiche sanitarie e sociali della Regione. Per la prima volta è integrato, sanitario e sociale insieme. Ed è stato costruito in modo partecipato, attraverso un “fase di ascolto” che ha coinvolto cittadini, professionsti, operatori, amministratori. Nel nuovo Piano la sfida di “dare salute” ai toscani è declinata in tutti i possibili settori sanitari e sociali: l’integrazione tra tutte le politiche consentirà di perseguire e raggiungere nuovi obiettivi di salute.

Lotta all’illegalità e all’evasione fiscale
La conferma è arrivata alla fine dell’anno: nel 2011 la Regione ha recuperato e incassato 167 milioni di tributi non pagati. E siccome le tasse su cui la Regione al momento può mettere mano sono ben poche – bollo auto, Irap ed addizionale Irpef per lo più – il risultato è ancora più importante. Tre anni fa l’obiettivo erano di 100 milioni l’anno. Già l’anno scorso ne erano stati recuperati 150. Un trend in crescita e una priorità nell’agenda della giunta insediatasi nel 2010. Per contrastare evasione fiscale e illegalità economica sono stati stipulati accordi con l’Agenzia delle entrate, Guardia di Finanza e Equitalia ma anche associazioni di categoria. Sono stati creati incentivi per i Comuni che aiutano a trovare chi evade e, sempre con i Comuni, si stanno creando banchi dati condivise anche con altre branche della pubblica amministrazione.

Meno Comuni e più unioni di Comuni
Una riforma a costo zero. Anzi, con qualche riduzione dei costi della macchina a vantaggio di una maggiore efficienza. Una riforma che semplifica, anche. Con incentivi ai Comuni che si fonderanno, a partire da quelli obbligati all’esercizio associato di funzioni dalla recenti norme statali, spazio per le unioni dei Comuni che in Toscana sono al momento sette, altre unioni dei Comuni al posto delle ex tredici comunità montane che saranno sciolte, aiuti per i servizi di prossimità nei territori più periferici e disagiati con meno di cinquemila abitanti. La proposta di legge della giunta, spedita in consiglio regionale a luglio, è stata approvata nell’ultima seduta dell’anno.

Aumenta l’addizionale Irpef, ma solo oltre i 75 mila euro l’anno
Sale l’addizionale regionale Irpef in Toscana dello 0,50 per cento, dopo lo 0,33 deciso da Monti, ma solo per chi guadagna più di 75 mila euro, a differenza della manovra del governo, che colpisce tutti i contribuenti. La Toscana dunque continua, come nel caso dei ticket, nella sua scelta di far pagare di più chi ha di più. Gli uffici stimano che la manovra porterà nelle casse dell’ente 11 milioni di euro, che serviranno ad evitare tagli su trasporto pubblico locale e politiche sociali, contro i 150 milioni (per la Toscana) dell’aumento, per tutti, deciso dal governo Monti.

Studenti disabili: un milione dalla Regione per una scuola dell’inclusione
Regione Toscana e Ufficio Scolastico Regionale danno il via alla sperimentazione, prima del genere in Italia, che prevede risorse aggiuntive per le classi in cui siano presenti studenti con disabilità gravi e che accettino la sfida di presentare progetti a supporto dell’integrazione di questi alunni. A disposizione un milione di euro, dalla Regione, ma anche, dall’Ufficio Scolastico, posti di sostegno in deroga (già, in precedenza, sono stati derogati altri 295 posti) nonché ulteriori risorse. Verranno finanziate: ore di sostegno in deroga e ore aggiuntive di insegnamento per i docenti.

Giovani, un bando per 200 assegni di ricerca
Segna un altro punto lo sviluppo del capitale umano e la qualificazione dei giovani laureati in Toscana: sono in arrivo, con un nuovo intervento, 200 assegni di Ricerca Congiunta. Il bando, a favore di percorsi di alta formazione nella ricerca, è destinato a giovani dottori di ricerca e laureati con già tre anni di esperienza: potranno partecipare a progetti promossi da Università e Enti di ricerca pubblici nazionali operanti in Toscana, e saranno cofinanziati dalle imprese. Questo permetterà di indirizzare i giovani ricercatori verso la carriera accademica, ma sopratutto verso l’inserimento nel mercato del lavoro. I 200 assegni, di durata biennale e dell’importo ciascuno di 30 mila euro annui, saranno finanziati al 50% dalla Regione che interviene con un totale di 6 milioni di euro. Il restante 50% verrà coperto da Università e Enti di Ricerca

Screening oncologici
Secondo il 12° Rapporto annuale dell’Ispo, l’Istituto per lo studio e la prevenzione oncologica, l’offerta di screening si è estesa ancora negli ultimi due anni: mammografia 93%, pap test 97,5%, colon retto 83,7%. E la mortalità per questi tumori è in costante diminuzione, proprio grazie alla grande diffusione degli screening: la riduzione della mortalità per tumore al seno, per esempio, è in media -1,2% l’anno.

Competitività delle imprese
La proposta di legge, licenziata dalla giunta è ora in consiglio, che la dovrebbe approvare entro gennaio. Fortemente voluta dalle imprese, punta alla semplificazione e sburocratizzazione delle procedure cui le pmi devono sottostare per accedere ai finanziamenti, per insediarsi nelle aree industriali, ecc. La legge riconduce ad una disciplina unitaria incentivi, sovvenzioni, fonti di finanziamento in un Fondo unico, individuando anche un Fondo per la reindustrializzazione per sostenere gli investimenti da parte di capitali, sia stranieri che nazionali, ma anche per incoraggiare la crescita produttiva e occupazionale delle imprese già insediate nella regione e i programmi di reindustrializzazione di aree di crisi. Fra le previsioni l’utilizzo della leva fiscale (es. riduzioni IRAP) per premiare le imprese che si insediano, si consolidano, creano nuova occupazione

Legge imprenditoria giovanile e femminile
Operativa dal 15 dicembre, fa parte del pacchetto Giovanisì. Finanzia, con 12 milioni, la concessione di garanzie, contributi in conto interessi o partecipazione al capitale di rischio per la costituzione o il consolidamento di imprese di giovani under 40, di donne (senza limiti d’età) o di lavoratori in cassa integrazione o mobilità.

Tirocini
Licenziata dalla giunta il 19 dicembre è in consiglio e dovrebbe essere approvata entro gennaio. La legge mette a regime quanto già avviato dalla Regione con la delibera entrata in vigore a giugno (Giovanisì). Dovrebbe essere approvata in tempi rapidi, in tandem con la legge sulla competitività. Introduce l’obbligo di retribuzione, con un cofinanziamento da parte della Regione. Previsto anche un incentivo alle aziende che assumono i tirocinanti al termine dello stage.

Tav, inaugurato lo scavalco di Castello
Inaugurato lo scavalco di Castello, primo lotto dei lavori per il nodo fiorentino della Tav. Nell’occasione sono stati firmati due protocolli d’intesa , uno con il quale Regione e Rete Ferroviaria Italiana destinano 44 milioni di euro al potenziamento del tratto Pistoia-Montecatini, l’altro per il collegamento ferroviario entro il 2015 del Porto di Livorno con la linea Roma-Genova all’altezza di Pisa.

Peretola, Enac ed Enav confronteranno le varie ipotesi sulla pista
Enac (Ente nazionale per l’aviazione civile) ed Enav (Ente nazionale per l’assistenza al volo) dovranno presentare entro i primi mesi del 2012 un quadro sinottico per confrontare le varie ipotesi di pista dell’aeroporto di Firenze. La Regione ha presentato una proposta di pista obliqua e discusso insieme ad Enac ed Enav delle altre ipotesi. Gli addetti ai lavori faranno valutazioni comparative sulle caratteristiche tecniche e finanziarie delle ipotesi di pista e metteranno a confronto i pro e i contro delle diverse soluzioni.

Aeroporti, un milione per potenziare i collegamenti aerei da Firenze e Pisa
Potenziare i collegamenti aerei per fare della Toscana il terzo polo aeroportuale italiano. Con questo obiettivo la Regione sta lavorando all’incremento di voli diretti da e per la Toscana oltre che al miglioramento infrastrutturale dei maggiori aeroporti toscani. In quest’ottica la Giunta regionale ha stanziato 1.128.000 euro di risorse per sostenere lo sviluppo di collegamenti aerei da e per la Toscana e ne ha destinate metà (cioè 564.000 euro) al Galilei di Pisa e metà al Vespucci di Firenze.

Giovani Sì Live
Investire concretamente sulle nuove generazioni e dunque anche sulla loro creatività, questo l’obiettivo del progetto ’Giovani Sì’ portato avanti dalla Regione Toscana e questa anche l’anima del progetto ‘Giovani Sì Live’, che incentiva la musica fatta dai giovani toscani e la porta nei teatri a prezzi accessibili inserendola nei cartelloni assieme alle altre espressioni artistiche. ‘Giovani sì Live’ nasce dalla collaborazione di Regione e Fondazione Toscana Spettacolo con Network sonoro (che riunisce Musicus Concentus, Music Pool, Tempo Reale) e Toscana Musiche. In particolare la Fondazione Toscana Spettacolo curerà la parte relativa a teatro e danza, per la quale la Regiona Toscana ha stanziato un contributo di 65.000 euro, mentre Network Sonoro e Toscana Musiche si occuperanno della parte relativa alla musica, per cui la Regione Toscana ha stanziato 84.000 euro.

Fare impresa in agricoltura
Quasi 30 milioni di euro. Questa la somma complessiva che sarà destinata ai giovani imprenditori agricoli nel 2012 nell’ambito del Pacchetto Giovani. Si tratta delle misure del progetto Giovani Si – Fare Impresa in Agricoltura. La giunta regionale ha approvato ieri sera le “linee guida” per il bando che verrà emanato nei prossimi giorni per un totale di 25 milioni di euro, ai quali si aggiungono altri 3 milioni 960 mila euro già programmati sempre per il 2012 sui Piani Locali di Sviluppo Rurale (Province, Comunità Montane, Unioni dei Comuni).

Sostegno alle imprese: il ruolo di Fidi Toscana
All’inizio del 2009 la Regione ha varato il programma ‘Emergenza economia’ dotando Fidi di 80 milioni di euro, che hanno attivato nuovi finanziamenti per 1,3 miliardi di euro. Questo significa che ogni euro stanziato dalla Regione e messo a disposizione da Fidi ne ha prodotti 14 di nuovi investimenti. Solo nell’ultimo anno i 100 milioni garantiti a sostegno dell’occupazione hanno permesso di consolidare 7000 posti di lavoro in 500 imprese che si sono impegnate con le parti sociali a non licenziare e a non ricorrere alla cassa integrazione. Circa 90 milioni sono stati utilizzati per permettere a 500 aziende di ricapitalizzarsi fino al 20% del totale del loro attivo. Negli ultimi due anni con le garanzie prestate Fidi Toscana ha consentito alle piccole imprese di realizzare 500 milioni di investimenti, con altri 85 milioni di euro ha contribuito alla nascita di 800 nuove imprese e alla creazione di 2500 nuovi posti di lavoro. Negli ultimi cinque anni Fidi Toscana ha deciso la sua partecipazione al capitale di 48 imprese, in tutti i settori produttivi. 48 imprese che senza questo sostegno non sarebbero esistite: la Braccialini, la Centrale del latte di Firenze, la Tabitaly. In tutto oltre 1000 posti di lavoro salvaguardati. Nessuna di queste 48 aziende ha chiuso (a parte la Mabro, che per altro, sempre per intervento di Fidi ora è ripartita). Gran parte dell’indotto delle imprese in crisi nel settore dell’edilizia (Btp, Consorzio Etruria), dell’Ansaldo Breda, della Lucchini sopravvivono grazie a Fidi Toscana e senza Fidi centinaia di imprese colpite dalle alluvioni del Serchio, della Lunigiana e dell’Isola d’Elba non avrebbero potuto riprendere rapidamente l’attività.

Pubblicato il 29 dicembre 2011